A- A+
Green
Stop al consumo di ricci di mare. 'Rischio estinzione', l’urlo degli ecologi

"Ricci di mare destinati all’estinzione grazie alla stupida avidità". L'allarme arriva dall'associazione ecologista Gruppo di intervento giuridico che chiede la sospensione della pesca e valuta "pessima" la politica ambientale della Regione Sardegna per la tutela del Paracentrotus lividus. Il riccio, molto di moda nei ristoranti della Sardegna, è "in via di rapida rarefazione", spiegano gli ecologisti, a causa del "pesante prelievo a fini gastronomici" Un rischio che qualche ristoratore 'illuminato' ha colto  tanto da escluderli dal menù. Insomma, per qualche anno si dovrebbe fare a meno delle prelibate le linguine condite con la rossa polpa del riccio. Una battaglia difficile, denunci Grig, a causa del prelievo abusivo: non si contano i sequestri da parte delle forze dell’ordine mentre sono ancora allo stadio sperimentale gli allevamenti. Secondo gli ecologisti la situazione "è davvero grave e necessita forti misure di salvaguardia, quantomeno la sospensione della raccolta per almeno tre anni".

Ma gli ecologisti attaccano la Regione, la vecchia e la nuova Giunta. "La scorsa primavera - ricorda l'associazione - l’allora assessore regionale dell’agricoltura Pierluigi Caria prorogò assurdamente, su richiesta dei pescatori interessati, la raccolta dei ricci di mare per ulteriori 15 giorni e ora l’attuale assessore Gabriella Murgia autorizza la raccolta di 2 mila ricci al giorno per ogni pescatore professionista fino al 15 aprile 2020, incurante delle richieste di moratoria provenienti da più parti, fra cui le amministrazioni comunali di S. Antioco, Calasetta, Portoscuso". Il Gruppo d’Intervento Giuridico che boccia come "follia" i provvedimenti degli assessori e lancia un appello "a tutte le persone sensibili e ai ristoratori" per rinunciare a  consumare ricci di mare.

Commenti
    Tags:
    ricci di marericci di mare estinzione
    in evidenza
    "Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

    Guarda il video

    "Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

    
    in vetrina
    Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te

    Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te


    motori
    Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

    Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.