A- A+
Green
Una Ipo verde ogni due mesi. "Tempo di un indice green in Borsa"

di Paolo Fiore
twitter@paolofiore

"Un anno e mezzo fa abbiamo chiesto a Borsa Italiana di varare un indice green. Forse non c'erano ancora dimensioni, liquidità e attenzione sufficienti. Oggi le condizioni ci sono e sarebbe bello nascesse un indice borsistico". E' l'appello di Anna Lambiase, ceo di Vedogreen. Peccato sia stato, fino a ora, inascoltato. Perché Borsa Italiana si sarebbe accorta di un settore in espansione, capace di una performance che dice +24% da inizio anno, di una capitalizzazione che tocca 1,6 miliardi (+63%) e di 8 Ipo da gennaio 2013.

I dati sono certificati da Vedogreen, che un indice già lo elabora. Saranno presentati l'8 maggio a Milano, nel corso della terza edizione del Green Investor Day. L'appuntamento serivrà a dipingere il quadro del settore e ad accennare quello che sarà. La tendenza registrata lo scorso anno prosegue: "Il 2013 è finito con le quotazioni della Spac Vedogreen e di Innovatech", dice ad Affaritaliani.it Anna Lambiase. "E il 2014 è iniziato con due Ipo, quelle di Gala e Greenpower". L'obiettivo di bissare le performance del 2013 è "raggiungibile". E in evoluzione: "Se guardiamo la composizione delle quotate green, c'è una grande estensione. Non solo a livello di numeri ma anche nei comparti di attività. Nascono i temi della finanza green, dell'efficienza energetica, dell'agribusiness, della mobilità sostenibile. Approdano al mercato azionario realtà anche differenziate rispetto alle tradizionali fonti di energie rinnovabili".

Sarà "la volta buona" anche per il green? "Il governo si sta avvicinando al tema ma - afferma Lambiase - mi piacerebbe avere un approcccio più diretto con le istituzioni, cosa che ancora non ho avuto".

Chissà, l'occasione per un contatto potrebbe essere proprio il Green Investor Day. L'appuntamento si articola in due tavole rotonde: durante la mattinata Istituzioni finanziarie, banche e investitori, avranno l’opportunità di incontrare il top Management di società quotate e private del settore green; nel pomeriggio sarà il turno di esponenti del mondo finanziario, dei trend e delle potenzialità di sviluppo.

 

COMPOSIZIONE DELL'INDICE VEDOGREEN

 

SOCIETA'

MARKET CAP 24/4/2014 (€ mln)

Settore

Mercato

Alerion CleanPower

165

Energia Rinnovabile

MTA

Ambienthesis

59

Waste Management

MTA

Biancamano

26

Waste Management

STAR

EEMS

19

Energia Rinnovabile

MTA

Enertronica

11

Energia Rinnovabile

AIM Italia

Ergy Capital

27

Energia Rinnovabile

MTA

Falck Renewables

408

Energia Rinnovabile

STAR

Fintel Energia Group

112

Energia Rinnovabile

AIM Italia

Frendy Energy

50

Energia Rinnovabile/ Mini Idro

AIM Italia

Gala

193

Energia

AIM Italia

GreenItaly1

37

SPAC - Green Finance

AIM Italia

Gruppo Green Power

33

Energia Rinnovabile

AIM Italia

Industria e Innovazione

20

Waste Management

MTA

Innovatec

14

Smart Energy / Efficienza Energetica

AIM Italia

Isagro

38

Agribusiness

STAR

K.R. Energy

55

Energia Rinnovabile

MTA

KI Group

31

Agribusiness (prodotti bio)

AIM Italia

Kinexia

73

Energia Rinnovabile

MTA

Landi Renzo

161

Ecomobility

STAR

Sacom

17

Agribusiness / Green Chemistry

AIM Italia

TE Wind

9

Energia Rinnovabile / Mini Eolico

AIM Italia

TerniEnergia

84

Energia Rinnovabile

STAR

MEDIA

74,6

 

 

Le 22 società quotate del panel VedoGreen registrano una capitalizzazione totale pari a 1,6 miliardi di Euro (+63% rispetto a maggio 2013). La performance borsistica dell’Indice VedoGreen registra +24% da inizio anno. VedoGreen ha ampliato nel 2014 il proprio indice con l’ingresso di 8 nuove società italiane quotate con una raccolta complessiva di Euro 87 milioni; compongono l’indice VEDOGREEN le seguenti società: Alerion CleanPower, Ambienthesis, Biancamano, EEMS, Enertronica, Ergy Capital, Falck Renewables, Fintel Energia Group, Frendy Energy, Gala, GreenItaly1, Gruppo Green Power, Industria e Innovazione, Innovatec, Isagro, K.R. Energy, Ki Group, Landi Renzo, Sacom, TE Wind, Ternienergia.

Le aziende che parteciperanno al Green Investor Day sono: THOLOS Guerino Loi – Amministratore Delegato; TERNIENERGIA: Stefano Neri – Presidente e Amministratore Delegato; PLASTICA ALFA Josephine Pace – Responsabile Sviluppo Strategico; KINEXIA: Pietro Colucci – Presidente e Amministratore Delegato; ICASCO: Pietro Valaguzza – Amministratore Delegato; BIANCAMANO: Giovanni Battista Pizzimbone – Amministratore Delegato; LADURNER ENERGY: Lorenzo Bagnacani - Amministratore Delegato.

Il Green Investor Day è ideato e organizzato da VedoGreen, in collaborazione con WebSim, con il patrocinio di Borsa Italiana e AIFI, IDeA Capital Funds (Gruppo DeAgostini) è main sponsor dell’evento. I Partner dell’evento sono: IR Top, Hogan Lovells, Intermonte, UK Trade & Investment, Dintec, EnVent, Integrae Sim, Cariparma (Gruppo Credit Agricole), Class CNBC, Factset e Global Facility Service. Tekneco, Littlea Sea, Affaritaliani.it, Chimica Web e Green Planner affiancano la conferenza in qualità di Media Partner.

 

FINANZA GREEN: GUARDA LE VIDEOINTERVISTE DI AFFARITALIANI.IT

 

Lambiase (Vedogreen): "Meglio la stabilità normativa degli incentivi"

Nardi (Enertronica): "La Borsa è un'opportunità. Ostacoli burocratici nel settore pubblico"

Zacaglioni (TerniEnergia): "Copiamo Uk. Uniamo Sviluppo Economico e Ambiente"

Scarantino (Innovatec): "Il 2014 sarà oltre le attese"

Loi (Tholos): "Chiarezza sugli incentivi"

Rubino (Beta Renewables): "La via italiana ai biocarburanti"

Mazzini (Smre): "Il mercato dell'auto elettrica e pronto"

Mongillo (TE Wind): "Nessun rischio-bolla. La Borsa è un grande alleato"

Piretti (Sacom): "Pensiamo globale, l'agricoltura biotech si apra al mercato"

 

 

Tags:
vedogreenborsalambiase
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.