A- A+
Guide AI
Il Virus Invisibile che Usa ChatGPT: Scrive Email Che Sembrano Umane e Infetta i Computer

Un allarme senza precedenti scuote il mondo della sicurezza informatica: un virus avanzato che sfrutta ChatGPT, un'intelligenza artificiale progettata per generare testo, per scrivere email che sembrano provenire da esseri umani. Questo malware, invisibile e sofisticato, riesce a infiltrarsi nei sistemi e a diffondersi senza essere rilevato, rappresentando una minaccia emergente per utenti e organizzazioni.

Come funziona il virus

Una volta infiltrato nel sistema, il virus apre Outlook e inizia a rispondere alle email trovate nella casella di posta. Queste risposte sono sorprendentemente pertinenti e contengono allegati apparentemente innocui. Ad esempio, un'email potrebbe contenere un file chiamato "80s_Nostalgia_Playlist.exe", che sembra una playlist musicale, ma in realtà è un potente malware. Anche le scansioni antivirus più avanzate faticano a rilevarlo, rendendo questa minaccia particolarmente insidiosa.

L'Esperimento dei ricercatori

David Zollikofer dell'ETH di Zurigo e Ben Zimmerman dell'Ohio State University hanno creato questo virus come parte di un esperimento per mostrare le potenzialità dei chatbot AI nelle mani sbagliate. "Abbiamo chiesto a ChatGPT di riscrivere un file mantenendo la struttura semantica, ma cambiando le variabili e la logica," spiega Zollikofer. Il risultato? Email che sembrano scritte da esseri umani e un malware che si diffonde attraverso allegati email.

Rischi inediti e nuove strategie di Difesa

Questo tipo di attacco sfrutta l'ingegneria sociale, ingannando le vittime con messaggi altamente credibili. Gli esperti avvertono che i chatbot AI potrebbero rendere ancora più difficile rilevare i virus, richiedendo nuove strategie di difesa. "Il nostro prototipo dimostra i rischi che gli LLM (Large Language Models) rappresentano per la sicurezza informatica," affermano i ricercatori, sottolineando la necessità di ulteriori studi sui malware intelligenti.

L'Opinione degli esperti

Alan Woodward, ricercatore di sicurezza informatica dell'Università del Surrey, ha dichiarato a New Scientist: "Ci sono vari modi in cui sappiamo già che gli LLM possono essere abusati, ma la parte spaventosa è che le tecniche possono essere migliorate. Siamo solo all'inizio nel vedere il potenziale degli LLM come strumenti per scopi nefasti."

Un futuro di AI e sicurezza informatica

Zollikofer offre una visione più ottimistica, suggerendo che l'AI potrebbe anche migliorare la difesa informatica. "Abbiamo visto come l'AI possa essere sfruttata per attacchi, ma può anche potenziare le barriere di protezione," afferma.

Un'analisi unica: L'impatto psicologico delle email AI-Generate

Oltre ai rischi tecnici, un aspetto poco esplorato è l'impatto psicologico di ricevere email generate dall'AI. La capacità di queste email di sembrare autentiche può causare confusione e ansia, soprattutto in contesti professionali dove la fiducia nella comunicazione è cruciale. Le organizzazioni devono quindi non solo rafforzare le loro difese tecniche, ma anche educare i dipendenti a riconoscere e gestire questi nuovi tipi di minacce.

Mentre la tecnologia avanza, le minacce informatiche diventano sempre più sofisticate. È essenziale che la ricerca sulla sicurezza continui a evolversi per fronteggiare questi nuovi pericoli. I chatbot AI, sebbene utili, possono diventare armi potenti nelle mani sbagliate, e la comunità globale deve essere pronta a rispondere. Le organizzazioni devono adottare un approccio olistico che integri tecnologie avanzate e consapevolezza umana per proteggere i propri dati e sistemi.





in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.