A- A+
Innovazione
Tecno: "Digitale, innovazione e sostenibilità i principali driver di crescita"

Un discorso europeista orientato al futuro ed incentrato sul punto d’incontro tra crisi sanitaria, ambientale e sociale. Un intervento su come si debba investire sulle nuove generazioni, sulla scuola, su ricerca e innovazione, sul lavoro, e non a sussidiare imprese obsolete ed inquinanti. Così Giovanni Lombardi -patron del Gruppo Tecno (una Esco nel campo dell’efficienza energetica), nonché presidente dell’advisory board del Museo Real Bosco di Capodimonte di Napoli- sul discorso programmatico al Parlamento di Mario Draghi. Un discorso nel segno dell’europeismo, dice Lombardi. “Senza Europa ci sarebbe un’Italia meno forte e viceversa, non solo per l’adesione ai fondi europei. Nell'appartenenza convinta al destino dell'Europa siamo ancora più italiani, ancora più vicini ai nostri territori di origine. Dobbiamo essere orgogliosi del contributo italiano alla crescita e allo sviluppo dell'Unione europea. Senza l'Italia non c'è l'Europa. Ma, fuori dall'Europa c'è meno Italia”.

Non meno importante nell’intervento di Draghi il riferimento al mondo della scuola, commenta l’imprenditore. “A mio parere è stata fin troppo penalizzata e pertanto occorre orientare gli investimenti. Tecno lo fa da sempre supportando gli istituti tecnici del territorio per allineare l'offerta educativa alla domanda delle nuove generazioni”. E, ancora, un discorso basato sulla necessità di recuperare la fiducia e di condividere i valori da quello che si osservano sul mercato. In poche parole, senza fiducia non si investe e senza investimenti non si cresce.

La crescita di un'economia di un Paese non scaturisce solo da fattori economici. Dipende dalle istituzioni, dalla fiducia dei cittadini verso di esse, dalla condivisione di valori e di speranze. Gli stessi fattori determinano il progresso di un Paese.

Lombardi indica nel digitale e sostenibilità alcuni dei driver di crescita del Paese e, di conseguenza, dell’Europa. “Dobbiamo, come dice Draghi, proteggere il futuro dell'ambiente, conciliandolo con il progresso e il benessere sociale, e questo richiede un approccio nuovo: digitalizzazione, agricoltura, salute, energia, aerospazio, cloud computing, scuole ed educazione, protezione dei territori, biodiversità, riscaldamento globale ed effetto serra, sono diverse facce di una sfida poliedrica che vede al centro l'ecosistema in cui si svilupperanno tutte le azioni umane. La scelta di diffondere questa cultura e soprattutto di svilupparla in modo effettivo è stata affidata al ministero della Transizione ecologica, a mio parere strategico per i prossimi trent’anni. Speriamo che al nuovo ministro siano affidati gli strumenti per implementare una sostenibilità non solo ambientale ma anche sociale ed economica ma che sia fatta non solo di strategia ma di tanta capacità di esecuzione e rendicontazione”.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    scuolaformazioneeuropainnovazione
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Kia svela la nuova generazione della Niro

    Kia svela la nuova generazione della Niro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.