A- A+
Lavoro
Crescono i neet fra le donne e le regioni del sud
logo fondazione studi
 

Sono oltre 2,3 milioni (25,7% del totale) i Neet, i giovani 15-29enni che nel 2015 non risultano inseriti in un percorso scolastico e/o formativo e non sono impegnati in un'attività lavorativa. E l’incidenza è più elevata tra le donne e nel Mezzogiorno. E' quanto emerge dall'edizione 2016 del rapporto "Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo" pubblicato oggi dall'Istat. L'Istituto precisa però che il 25,3% dei soggetti di età compresa fra i 30 e i 34 anni ha conseguito un titolo di studio universitario nel 2015: un valore che si avvicina molto all'obiettivo del 26% stabilito dalla Strategia europea 2020 per l'Italia.
Sul fronte occupazionale, l'Istat fa sapere che nel 2015 risultano occupate oltre 6 persone su 10 di età compresa fra i 20 e i 64 anni, ma che lo squilibrio di genere a sfavore delle donne (70,6% gli uomini occupati, 50,6% le donne) resta elevato come il divario territoriale tra Centro-Nord e Mezzogiorno. L'Istituto fa notare che nella graduatoria europea relativa al 2014 solamente Grecia, Croazia e Spagna presentano tassi di occupazione inferiori a quello italiano, mentre la Svezia registra il valore più elevato (74%).

Il tasso di disoccupazione scende di 0,8 punti rispetto al 2014, riportandosi dopo due anni sotto il 12%. Ma a rimanere forti sono le differenze territoriali, con un tasso nel Mezzogiorno di poco inferiore al 20%. Nel 2015 scende anche il tasso di disoccupazione giovanile: 40,3% (2,4 punti percentuali in meno rispetto al 2014), registrando il livello massimo nel Mezzogiorno (54,1%), in Calabria in particolare dove arriva al 65,1% e fra le ragazze (58,1%).
Sale, inoltre, al 14% l’incidenza del lavoro a termine nel 2015, più alta nelle regioni meridionali (18,4%) rispetto al Centro-Nord (12,5%) e cresce di poco la quota di occupati a tempo parziale (18,5%), con una distribuzione piuttosto uniforme sul territorio nazionale.
 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Nuova smart #1 il domani è già arrivato

Nuova smart #1 il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.