A- A+
Lavoro
Irap anche per studi associati e società semplici
logo fondazione studi
 

Per le Sezioni Unite della Cassazione gli studi professionali associati sono soggetti all'imposta sull'Irap anche se sono strutturati come società semplice. La sentenza n.7371, depositata il 14 aprile 2016 e anticipata sulle pagine de Il Sole 24 Ore di oggi, spiega, infatti, l'impossibilità per gli studi associati di dimostrare l'insussistenza di un'organizzazione autonoma di per sé insita nella forma associativa con cui viene svolta l’attività professionale.

Con questo giudizio le Sezioni Unite assimilano gli studi professionali associati alle società semplici, riconoscendo dovuto per entrambi i soggetti il tributo regionale per le attività produttive. Il caso oggetto di giudizio riguarda uno studio professionale, esercitato in forma di società semplice, a cui era stato riconosciuto il rimborso dell’Irap versata per diverse annualità, poiché era stata provato lo svolgimento dell’attività "senza l’ausilio di personale dipendente e/o di ingenti cespiti". La questione è stata, poi, sottoposta al giudizio delle Sezioni Unite a causa delle diverse interpretazioni scaturite da varie pronunce dei giudici di legittimità.

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.