A- A+
Lavoro
Istruzione e occupazione stabile: quale il giusto rapporto?
logo fondazione studi
 

Negli ultimi decenni il cambiamento introdotto dalla diffusione delle nuove tecnologie e il processo di integrazione dei mercati internazionali hanno influenzato la dinamica strutturale dell’economia e la natura della domanda di lavoro e delle competenze richieste dal sistema delle imprese.
Ma che rapporto intercorre tra qualità dei percorsi formativi e caratteristiche dell’occupazione giovanile? A dare una risposta a questa domanda è l’Isfol nel rapporto, appena pubblicato, “Crisi economica, lavoro e imprese. Il ruolo del Capitale umano”. Le statistiche descrittive e le analisi effettuate hanno dimostrato che l’investimento dei giovani in istruzione e, in particolare, la specializzazione nelle materie tecnico-scientifiche, costituisce una leva essenziale per uscire dalla condizione di non occupazione e transitare verso contratti a tempo indeterminato o per intraprendere un attività in proprio.

Gli esiti dei percorsi formativi intrapresi dai giovani sono fortemente condizionati dalle dinamiche occupazionali e contrattuali, a loro volta strettamente connesse ai processi di riforma istituzionale e alle diffusione delle nuove tecnologie nei processi produttivi. Lo studio dell’Isfol ha inoltre dimostrato che il legame tra qualità dell’istruzione e ingresso nel mondo del lavoro ha un forte connotato di genere e si amplifica per i ragazzi alla prima esperienza lavorativa e per quelli tra loro che hanno concluso più di recente il proprio percorso di studi. La crisi, poi, ha svolto un ruolo nell’amplificare tali dinamiche soprattutto esercitando un azione potenzialmente selettiva sulla struttura (contrattuale) della occupazione giovanile. E' noto, infatti, che il peggioramento dei margini di profitto e la perdita di quote di mercato degli ultimi anni ha indotto le aziende a riorganizzare i propri processi produttivi riducendo, in entrata, il ricorso a nuove assunzioni e ricorrendo, in uscita, alla cessazione di rapporti di lavoro atipici e a tempo determinato. In tal senso la flessibilità dei contratti non ha agevolato il processo di inserimento lavorativo neanche per la fascia più istruita delle giovani generazioni. Al contrario, la qualità del percorso formativo che in passato ha facilitato la transizione verso forme di lavoro stabili e con alta professionalità, ha permesso a questi individui di ridurre almeno in parte il rischio di disoccupazione una volta sopraggiunta la crisi economica.

Leggi il rapporto Isfol “Crisi economica, lavoro e imprese. Il ruolo del Capitale umano”

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Heidi Klum reggiseno via in barca Diletta Leotta da sogno in vacanza

Wanda Nara.... che foto

Heidi Klum reggiseno via in barca
Diletta Leotta da sogno in vacanza

i più visti
in vetrina
Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia


casa, immobiliare
motori
Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird

Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.