A- A+
Lavoro
Al via la riforma degli ammortizzatori sociali
logo fondazione studi
 

Da giovedì 24 settembre entra in vigore la nuova riforma sugli ammortizzatori sociali con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.222 del 23 settembre 2015 del decreto legislativo n.148/2015 del Jobs Act. Al via, quindi, le domande per la nuova cassa integrazione che, secondo le nuove norme, devono essere effettuate entro 15 giorni dalla sospensione o riduzione dell'attività lavorativa.

Il legislatore sceglie la strada della semplificazione per i nuovi ammortizzatori. Il nuovo sistema, infatti, si basa su integrazioni salariali ordinarie e straordinarie e su fondi di solidarietà bilaterali.

Le integrazioni salariali ordinarie sono previste per le imprese industriali, di trasporti, manifatturiere, estrattive, cooperative, artigiane edili, lapidei; le straordinarie, invece, per le imprese industriali con oltre 15 dipendenti, per quelle commerciali con oltre 50 dipendenti e per le imprese del trasporto aereo e partiti politici a prescindere dal numero di dipendenti.

una novità importante riguarda i fondi di solidarietà bilaterali, che diventeranno obbligatori dal 1° gennaio 2016 per le aziende con più di 5 dipendenti che non usufruiscono della cassa integrazione ordinaria o straordinaria.

Ai trattamenti già concessi, invece, continueranno ad applicarsi le norme previgenti. Lo stesso con riferimento agli accordi sindacali conclusi prima dell'entrata in vigore della riforma, il 24 settembre: anche se la cassa non è ancora stata autorizzata, restano validi anche qualora prevedano durate maggiori rispetto ai nuovi limiti introdotti dalla riforma. 

 

 

 

Tags:
museiesercizi pubblici
in evidenza
Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

Lo scherzo e l'imprevisto

Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Mercedes punta sempre di più sul segmento del luxury

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.