A- A+
Home
Maduro che incita alla guerra farà la stessa fine di Morales?

In un’America Latina sconvolta, ormai da tempo, da presidenti in fuga, presidenti incarcerati, presidenti corrotti, gente ormai allo stremo, gente che manifesta nelle piazze contro la polizia, gente in fuga dal proprio Paese.

Per intenderci succede in Bolivia, Ecuador, Cile, Brasile e Venezuela.

 

Quello che impressiona però che non vi è mai limite al peggio.

 

Infatti subito dopo il golpe di stato che ha cacciato il presidente boliviano Evo Morales, in fuga e in esilio in Messico per i suoi brogli elettorali, il presidente dittatore del Venezuela, Nicolas Maduro, ha utilizzato questo avvenimento per portare un ennesimo attacco verbale a Donald Trump.

Maduro farà la fine di Evo Morales costretto a fuggire?

Il presidente americano aveva detto che ‘l’uscita forzosa di Morales è un forte segnale sia per il Nicaragua di Daniel Ortega e soprattutto per il Venezuela. Questi momenti- ha sostenuto il tycoon americano-sono segnali forti ai regimi illegittimi del Venezuela e del Nicaragua. Momenti utili ad insegnare che la democrazia del popolo sempre prevarrà. La rinuncia di Morales è un momento significativo per la democrazie dell’Emisfero Occidentale. Ed ora siamo ad un passo per avere anche un Emisfero Occidentale prospero e libero’.

 

Sul canale televisivo statale, Maduro ha risposto velocemente, con la solita retorica,  incitando il popolo stremato alla lotta armata ‘ questo golpe di Stato, questa imboscata creata contro Evo Morales viene dall’imperialismo nordamericano e adesso gli imperialisti applaudono affinché succeda lo stesso sia in Nicaragua che da noi’.

 

E poi ha continuato con il solito registro a cui probabilmente crede solo lui ‘ allerta popolo, pronti a combattere, andiamo a lottare per la patria e per la pace. La vittoria ci appartiene e lo dimostreremo in concreto nelle strade con l’unione civile e militare’.

Maduro farà la fine di Evo Morales costretto a fuggire?

Ma alle spalle delle chiacchiere e delle forzature verbali del dittatore incombe il presidente riconosciuto Juan Guaidò che ha chiamato tutto il Paese ad una grande manifestazione per il prossimo 17 novembre.

 

Potrebbe veramente rappresentare questo giorno una spallata definitiva al regime dittatoriale che ha brutalizzato socialmente ed economicamente uno tra i Paesi più ricchi al mondo?

 

Se  la maggioranza dell’esercito si staccherà da Maduro, così come è stato in Bolivia, per il dittatore l’unica via resterà la fuga. E tanti , tanti venezuelani, dentro e fuori del Paese stanno pregando perché succeda.

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    madurotrumpmoralesguaido
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.