A- A+
Marketing
La Metro bandisce pubblicità troppo sexy: “Deprimono i viaggiatori”

Niente sesso, siamo inglesi. La metropolitana di Londra bandisce le pubblicità troppo sexy, con corpi esposti. Motivazioni da neo-puritanesimo? No, almeno stando alla versione ufficiale. Il motivo sarebbe un altro: i corpi troppo perfetti deprimono i viaggiatori. “In particolare sui giovani”, si legge nella decisione ufficiale, esercitano “pressioni” dovute a canoni “irrealistici o insalubri”.

Sadiq Khan, il neo-sindaco di Londra, ha difeso la scelta: "Come padre di due adolescenti, sono estremamente preoccupati per le pubblicità che possono sminuire le persone, in particolare le donne, spingendole a vergognarsi dei loro corpi. Per i viaggi in metropolitana o in autobus, nessuno deve sentirsi oppresso da aspettative non realistiche”.

La questione non è nuova. La scorsa estate c'era stata polemica per un calendario che ritraeva la modella Renee Somerfield e una domanda: “Il tuo corpo è pronto per la spiaggia?”. Allora, nonostante le proteste, non ci fu alcun bando. Adesso la metro cambia direzione.

Tags:
metrolondrapubblicità
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

i più visti
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.