A- A+
Marketing
Come cambia la comunicazione aziendale nel 2015

Meno mail, più dati e flessibilità. Il lavoro che si trasforma da "luogo dove andare" in "qualcosa da fare". Anche da remoto. Sono alcune delle tendenze individuate da Unify, azienda leader nel settore del software e servizi per la comunicazione. Se l'anno appena trascorso è stato ricco di cambiamenti. "Il prossimo passo nelle dinamiche di collaborazione non riguarderà tanto la tecnologiaquanto le persone, all'insegna di un New Way to Work”, sostiene Sandro Profeti, Responsabile Marketing di Unify.

Ecco come cambiaranno le aziende nel 2015:

1. Saranno inviate meno email man mano che le persone troveranno modi più efficienti ed efficaci per comunicare. Le nuove generazioni che stanno entrando nel mondo del lavoro scopriranno nuovi modi per comunicare e collaborare. Oggi ci sono strumenti che non erano disponibili quando i loro colleghi senior hanno cominciato a lavorare. Lo dimostrano i video di #emailfail.

2. Collaborazione e innovazione vengono alimentate attraverso interazioni più aperte e coinvolgenti sia all'interno delle aziende che tra un'organizzazione e l'altra. Perché questo sia possibile, una tecnologia di collaborazione realmente funzionale deve fornire un'esperienza multi-canale che permetta di condividere voce, video, schermo e di scambiarsi messaggi e file all’interno della stessa videata, utilizzando un'unica piattaforma.

3. Le piattaforme di collaborazione, così come le app, esploderanno. Seguendo una tendenza già in corso nel mondo consumer, anche le piattaforme tecnologiche e i processi operativi delle aziende verranno semplificati.

4. La locazione fisica sarà sempre meno importante per lo svolgimento delle attività professionali di tutti i giorni. Il lavoro è qualcosa da fare, non un posto dove andare. 

5. “Equilibrio tra Lavoro e Vita” diventerà “Integrazione tra Lavoro e Vita”. Le principali organizzazioni attrarranno e manterranno tra le loro fila i talenti migliori offrendo loro un ambiente di lavoro flessibile e le tecnologie di comunicazione e collaborazione che rendono tutto questo possibile.

6. L'Internet of Thing diventerà una tendenza dominante e renderà necessaria una maggiore sicurezza del cloud. Coprendo circa un terzo della spesa in telecomunicazioni prevista per il 2015, l'internet delle cose avrà un forte sviluppo in tutti i mercati verticali e porterà ad un'esplosione del traffico dati nei prossimi 24 mesi, destinato a superare le capacità di molti fornitori oggi deputati alla sua gestione e sicurezza. Con l'aumento dei servizi forniti dal cloud, sarà compito dei fornitori trovare le migliori soluzioni per garantire la massima sicurezza ai dati dei consumatori.

7. E' tutta una questione di Dati.  Le persone esigono sempre di più che i dati più importanti per le loro conversazioni siano sempre presenti e facilmente reperibili. I Meta Data e i Tag andranno oltre la semplice geolocalizzazione e collegheranno informazioni in tempo reale alle conversazioni – arricchendo così il contesto e fornendo nuovi livelli alla conversazione, inclusa la componente “social”. 

8. Social Selling, della Social Advocacy e dell'Engagement Cloud. In poche parole, il Social Selling permette a venditori e acquirenti di avere un coinvolgimento più diretto e olistico, creando relazioni più forti incentrate sui bisogni dei clienti e trovando le migliori soluzioni per soddisfare questi bisogni. Il concetto di Engagement Cloud si fonda sull'idea secondo cui le persone si aspettano che in futuro le aziende gestiscano tutte le loro interazioni nei diversi processi aziendali all'interno di un flusso di conversazione coerente, continuo e che conserva tutte le possibili relazioni tra uomo e macchina.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comunicazioneaziendetrend
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

i più visti
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.