A- A+
MediaTech
Alberto Angela bocciato alle elementari. L'importante è l'audience
Alberto Angela

Partiamo, come sempre dalla notizia.

Alberto Angela fa il pieno degli ascolti con “Meraviglie - la penisola dei tesori”:

http://www.primaonline.it/2018/01/05/265116/analisi-ascolti-tv-4-gennaio-alberto-angela-meraviglia-sempre-le-tre-rose-di-eva-arriva-staccato-ma-chiude-in-crescendo-colorado-non-svolta-su-skyuno-masterchef-sale-ancora-e-sfi/

e di questo gli va reso merito perché è un dato di fatto. Il pubblico lo ama.

Alberto è il figlio di Piero che è conosciuto da tutti e non ha bisogno di presentazioni.

Piero incarna la scienza, ma non solo; incarna quell’illuminismo laico e razionalista che guida la marcia rivoluzionaria francese, sin dal 1789.

Fondatore del Cicap e nemico giurato di chi non vede il mondo dalla totalizzante prospettiva razionale, Piero incarna, dicevamo, non solo la scienza, ma addirittura una intera area filosofica che ha come usbergo sicuro la trasmissione televisiva Quark, declinata, tra l’altro nelle sue quasi infinite varietà culturali e semantiche che dalla Fisica ormai pervade ogni campo del sapere: scienze biologiche, geografia, storia, cucina, bricolage, antiquariato, viaggi spaziali, burocrazia, filosofia.

Altre che Treccani, qui c’è il MultiQuark a farla da padrone.

Il successo televisivo del babbo, come dicevamo, si è glorificato ed addirittura, cosa che pareva impossibile, accresciuto nel figliolo Alberto, paleontologo e gaio continuatore della tradizione familiare.

E se il padre Piero non è laureato in nulla, ma ha discettato e discetta da anni di fisica quantistica e relativistica e di altre amenità simili, il figlio è stato bocciato in quinta elementare come ci dice, peraltro, lo stesso padre Piero:

italia/2018/01/24/piero-angela-figlio-alberto-bocciato-quinta-elementare-foto-gossip-scuola-le-meraviglie

Ma non importa se il padre non è laureato e il figlio era stato bocciato alle elementari, del resto l’Italia non è anche il Paese in cui il ministro della Ricerca e dell’Università non solo non è laureato ma neppure regolarmente diplomato?

Che importa delle migliaia di ricercatori e giovani ricercatori che sono costretti a migrare all’estero, la nazione patria è ben presidiata da chi non ha sentito alcun bisogno di quella stupida formalizzazione che si chiama titolo di studio.

Piero ci fa sapere che “La scuola mi annoiava”:

http://www.corriereuniv.it/cms/2014/12/piero-angela-andava-male-scuola-non-si-mai-laureato/

Alberto, è giovane (almeno rispetto al padre) è simpatico e oltretutto è gigione ed alimenta alcuni vezzosi miti sulla sua esplosiva virilità:

https://www.blitzquotidiano.it/tv/berlinguer-angela-facebook-virilita-2765837/ il che nella società dello spettacolo non guasta mai.

Curioso poi che in un Paese in cui c’è una giusta caccia al nipotismo mai nessuno abbia avuto da dire sul passaggio di testimone nella Tv pubblica (anche se la società di produzione è privata) per la famiglia Angela.

Ma l’importante, si sa, è l’audience…

 

 

Tags:
alberto angelapiero angelaquarkcicap
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.