A- A+
MediaTech
Appunti in aula... parlamentare; la Repubblica bacchetta, ma sbaglia

Perché i radical chic mondiali stanno perdendo in tutto il mondo?

Una delle risposte possibile passa anche dagli appunti.

Nel giorno in cui la Camera ha eletto l’ufficio di Presidenza un fotografo intelligente, Alessandro Di Meo, ha scattato una foto emblematica: uno dei nuovi deputati prendeva diligentemente appunti. Una cosa normale in un Paese normale, ma non in Italia. La foto è rimbalzata sui social e sui giornali per poi approdare a la Repubblica, il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, riciclato ultimamente nei ruoli di (smentito) teologo.

Allora il ragionamento di Repubblica è stato più o meno il seguente: poiché la zona della foto era in zona grillina si sarebbe trattato di un deputato Cinque Stelle, perché solo a loro potevano fare una cosa così naif e cafona come prendere appunti ed ha aggiunto il commento acido.

Si legge infatti:

La Camera elegge l'Ufficio di presidenza e il deputato neoeletto, alla sua prima esperienza, prende diligentemente appunti come fosse a scuola. Questo scatto del fotografo Alessandro Di Meo ha fermato in tutto il suo candore l'esordio di un parlamentare di Montecitorio sui banchi del gruppo Cinque stelle. La scrittura, quasi adolescenziale, sembra appartenere a un deputato molto giovane, forse ancora fresco di università e abituato a riassumere su carta la lezione del docente di turno. Lezione in PowerPoint e in slide, evidentemente, perché anche in questi appunti da neoparlamentare, le informazioni e le nozioni vengono riportate e organizzate sul taccuino senza neppure un punto, una virgola o altre antichità grammaticali, ma connesse solo da freccette e simboli matematici.

Si noti tutto lo sprezzo per il deputato e la saccente bacchettatura per la mancanza delle “antichità grammaticali”.

Forse a Repubblica sono più importanti le antichità che inventarsi le interviste al Papa, come ha fatto Scalfari, ma per il resto del mondo no.

Viceversa il Corriere della Sera, Massimo Gramellini ha lodato, come deve essere, l’iniziativa.

 

Ps

Facciamo notare agli illuministi di Repubblica che nei famigerati appunti c’è anche un operatore logico e cioè il quantificatore universale “per ogni” che si scrive “V” e si pronuncia “vel”. Un sicuro indizio della cultura scientifica del sospetto…

Iscriviti alla newsletter
Tags:
la repubblicaappuntimassimo gramellinicorriere della seraalessandro di meo
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.