A- A+
MediaTech
Colpito? Adesso perdi sangue vero. Il videogioco ti entra nelle vene

Immaginate di sedervi davanti al vostro videogame preferito. Magari uno sparatutto. Grafica e sonoro sempre più sofisticati non bastano. L'ultima idea per la creazione di una esperienza di gioco realistica va oltre: il giocatore perderà sangue (davvero) ogni volta che verrà colpito. 

E' una provocazione, certo. Ma non una follia. Perché l'obiettivo è nobile: favorire la donazione di sangue. Il progetto dei canadesi Brand&Grotesque è stato appena lanciato su Kickstarter. L'obiettivo è ambizioso: raccogliere 250 mila dollari. Per ora ne sono arrivati poco più di 3300, grazie alla generosità di 35 donatori.

Niente paura: questa invenzione non arriverà nelle nostre case. Non c'è il rischio che i ragazzini possano giocare a oltranza rimanendo esangui. L'obiettivo è un altro: raccogliere fondi per organizzare "blood donation gaming events", cioè eventi speciali nei quali i giocatori donano il sangue giocando e sotto la supervisione del team di Blood Sport.

Ma come funziona? Il joypad viene collegato a una siringa. E gli impulsi elettrici fanno partire il prelievo quando il vostro personaggio sullo schermo viene colpito. Tutto è raccontato in questo video (che chi ha paura degli aghi forse non dovrebbe guardare). 

 

Tags:
blood sportkickstartervideogame

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.