A- A+
MediaTech
Carlo Cottarelli, tutta la verità sul suo compenso a Che tempo che fa

Carlo Cottarelli risponde alle polemiche scatenate dall'indiscrezione secondo la quale sarebbe pagato dalla Rai 6500 euro a puntata per "sparare sul governo" durante la trasmissione domenicale condotta da Fabio Fazio su Rai1,  Che tempo che fa, della quale egli è ospite fisso.

La realtà è ben diversa da come descritta dalla stampa. L'economista non riceve infatti alcun compenso dalla Rai. I 6500 euro in questione vengono devoluti all'Università Cattolica per finanziare attività di ricerca. Somma, per giunta, che non è a carico del servizio pubblico radiotelevisivo, e quindi dei contribuenti, bensì della società produttrice del programma (azienda privata) che versa i 6500 euro all'Ateneo di cui sopra, secondo un contratto stipulato il 23 settembre 2018.

L'intero compenso (che, ribadiamo, il professor Cottarelli non percepisce ma che viene versato direttamente all'Università Cattolica), in altri termini, serve a sovvenzionare borse di studio. 

L'economista lo ribadisce in un tweet: "Ripeto: non prendo nulla per CTCF. La società produttrice del programma, non la RAI, paga la Cattolica per finanziare ricercatori. Senza un compenso, i profitti della società produttrice, società privata, sarebbero più alti e ci sarebbero meno ricercatori universitari. Chiaro?". E la Rai conferma in un comunicato stampa che il professor Cottarelli si è accordato per una "partecipazione al programma a titolo gratuito, mentre la Cattolica ha sottoscritto un contratto per la fornitura dei contenuti per l’intervento del professor Cottarelli: pertanto a fronte di tale consulenza l’ateneo riceve 6500 euro a puntata".

 

Commenti
    Tags:
    carlo cottarelliche tempo che fafabio fazioascolti tvauditelofficinauniversità cattolica
    in evidenza
    La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

    Guarda la gallery

    La confessione di Francesca Neri
    "Sono una traditrice seriale"

    i più visti
    in vetrina
    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.