A- A+
MediaTech
Svolta per i cronisti dei 'Palazzi': diritto di interpretare i fatti

Svolta per i giornalisti di cronaca giudiziaria e di politica. I giornalisti dei 'Palazzi' svolgono una attività che "non si sostanzia nella semplice riproduzione di un fatto, ma è soprattutto quella di elaborazione e valutazione del fatto riferito, per fornire una interpretazione necessariamente personale delle vicende narrate". La Suprema Corte - accogliendo un ricorso del gruppo L'Espresso contro la condanna al risarcimento danni da diffamazione per un articolo del 1997 sull'indagine aostana 'Phoney Money', uno dei capitoli di Tangentopoli - amplia i confini della libertà di espressione dei giornalisti invitando i giudici di merito a non 'punire' gli articoli che intrecciano i fatti alle opinioni di chi scrive.

"Il limite alla libertà di manifestazione del pensiero, costituzionalmente garantita non è quello di non ledere l'altrui reputazione ma, rispettata la verità dei fatti e la continenza, quello di non trasformarsi in aggressione gratuita all'onore ed alla reputazione di una persona che trascenda in attacchi personali, diretti a colpire, su un piano individuale, senza alcuna finalità di pubblico interesse, la figura morale del soggetto criticato". 

Con questo verdetto la Cassazione ha annullato con rinvio per nuovo esame la decisione con la quale la Corte di appello di Roma, nel 2009, aveva detto sì al risarcimento di 25 mila euro a favore di Andrea Rigoni, ex responsabile del servizio di controllo interno delle Ferrovie dello Stato, proveniente dalla Guardia di Finanza. Nell'articolo 'Taci, il colonnello ti ascolta', Peter Gomez raccontava di come Lorenzo Necci, all'epoca presidente delle Fs, sospettasse - come emergeva dai verbali di un suo interrogatorio - che il servizio di controllo avesse in realtà l'obiettivo di spiarlo. Il giornalista inoltre avanzava il dubbio che "tutta la complessa macchina" servisse per gettare discredito sul pool di Mani Pulite, soprattutto su Antonio Di Pietro. Ritiene la Cassazione che tutte le circostanze relative ai verbali di Necci sono "correttamente" riportate, e che tutta la vicenda ben poteva ingenerare nel cronista il "legittimo dubbio" circa "la legalità delle operazioni" del comparto audit interno delle Fs e legittimarlo ad avanzare "una spiegazione della vicenda diversa da quella sostenuta", al tempo, da Rigoni.

Tags:
cronistipalazzofattiinterpretarli
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.