A- A+
MediaTech
Il digitale non ha ucciso la radio: l'ascolto diventa mobile

L'avanzata del digitale sta lasciando sul campo morti e feriti. Tra di essi non c'è la radio. Secondo un'analisi di eMarketer, nel Regno Unito l'ascolto radio regge. Il numero di ore passate ogni settimana ascoltando la radio sono superano il miliardo, in linea con i dati del 2013. 

L'ascolto non cala ma cambia. Nel 2010, la radio "classica" veniva ascoltata quotidianamente dal 21,3% dei britannici. Oggi siamo al 15,8%. Parallelamente, però, aumenta il numero di chi si sintonizza on line, tramite smartphone e tablet: in un solo anno si passa dal 18,4 al 21,8%. Nel 2010 la percentuale si fermava al 4%. E così la radio, data per morta a ogni cavalcata di un altro media (dalla tv ai pc), conferma la sua capacità di adattamento. Non cambia la quantità di ascolto ma solo la modalità di fruizione. 

Tags:
radiodigitale marketermobile
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.