A- A+
MediaTech
Una tassa su smartphone e decoder: pagheremo 5 € su ogni telefonino

Riguarderà smartphone, pc (fissi e portatili), tablet, ma anche decoder e hard-disk. La tassa (voluta dalla Siae) ha un nome complesso ( “Rideterminazione dei compensi per copia privata”), ma sta già facendo molto discutere. In cosa consiste? Solo un paio di esempi: acquistando uno smartphone e un tablet, si dovranno pagare 5,20 euro in più, mentre si arriverà a  40 euro in più per i decoder con memoria interna da 400 GB. Come chiarisce la Siae,  la tassa viene pagata “in cambio della possibilità di effettuare una copia personale di registrazioni, tutelate dal diritto d’autore”.

Come scrive Corriere.it, l’imposta non è nuova: "La paghiamo già. Soltanto che gli importi per gli smartphone sono di 90 centesimi. E fino a oggi nulla è dovuto per i tablet. Le cifre sono previste dal Decreto del 30 dicembre 2009 che ne stabiliva il periodico aggiornamento, per adeguarle allo sviluppo delle tecnologie digitali".

Ora il ministro dei dei Beni e della Attività culturali  Bray dovrà prendere la decisione finale. Per ora ha bloccato la tassa. Deciderà dopo aver parlato con le parti in causa.

 


 

Tags:
tassa sui telefoninitelefoninismartphonepc
in evidenza
Natale gender free : al bando gli spot dei regali "sessisti"

La legge che crea polemica

Natale gender free: al bando gli spot dei regali "sessisti"


in vetrina
Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni

Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni


motori
Mercedes-Benz Italia e il Campus Bio-Medico lanciano la Mobility Alliance

Mercedes-Benz Italia e il Campus Bio-Medico lanciano la Mobility Alliance

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.