A- A+
MediaTech
Federica Panicucci lancia il brand “Let’s Bubble”

Federica Panicucci torna nel mondo della monda. La conduttrice e il compagno Marco Bacini, proprietario di Rude, ha lanciato un marchio di abbigliamento fast fashion, chiamandolo “Let’s Bubble”. Per il brand, la coppia ha sviluppato un format di franchising. Da novembre sono stati aperti i primi 7 store ed entro il prossimo mese e mezzo, spiega Bacini, si taglierà il nastro di altre 8 boutique. L’obiettivo - si legge su www.pambianconews.com - sono 30 punti vendita entro fine 2019 e 50 per il 2020. Il mood della label è pop, con una proposta che mixa t-shirt stampate con frasi spiritose e ritratti non convenzionali di icone del cinema, felpe oversize e accessori, parka e cover per cellulari.

Commenti
    Tags:
    federica panicucci
    in evidenza
    Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

    Le mosse del Milan campione

    Berardi ciliegina dello scudetto
    Leao deve 20 mln allo Sporting

    i più visti
    in vetrina
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


    casa, immobiliare
    motori
    Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

    Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.