A- A+
MediaTech
Gay.it cambia logo e payoff, rinnova il sito e aumenta la produzione di video

Gay.it ripensa la sua impronta editoriale e per l’occasione lancia un rinnovamento del sito oltre ad adottare un nuovo logo e pay off. Il restyling arriva a tre anni dall’ultimo cambiamento di look e dopo un anno di crescita, con il traffico in aumento del 20% anno su anno, oltre 1 milione di utenti unici mese (dati Analytics) e 200.000 euro di raccolta pubblicitari.

La pubblicità è gestita ad oggi internamente anche se il sito sta vagliando proposte da diverse concessionarie per esternalizzare il servizio.

A livello di contenuto è prevista un’accelerazione nella produzione di video originali grazie alla collaborazione con influencer già partner del media.

Fonte: Engage

Commenti
    Tags:
    gay
    in evidenza
    Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

    Meteo previsioni

    Aria fredda polare sull'Italia
    Fine maggio da... brividi

    i più visti
    in vetrina
    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

    Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza

    Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.