A- A+
MediaTech
Giovanni Floris denunciato dal Codacons per induzione al gioco d'azzardo

Il Codacons ha denunciato Giovanni Floris, conduttore di DiMartedì in onda su La7, per induzione al gioco d'azzardo. Ma com'è accaduto? Lo si apprende leggendo il sito del Codacons stesso (clicca qui per leggere), perché i giornali o telegiornali non ne parlano. 

Leggiamo: "Il giornalista Giovanni Floris finisce denunciato alla Procura della Repubblica per la fattispecie di induzione al gioco d’azzardo. A presentare l’esposto il Codacons, a seguito di un servizio trasmesso nella puntata di ieri del programma di La7 DiMartedì. Nel corso della trasmissione Giovanni Floris ha proposto un servizio sulle modalità per aggirare i paletti fissati dalla misura governativa in tema di reddito di cittadinanza, in particolare illustrando le possibilità per eludere il divieto di utilizzo del sussidio per il gioco d’azzardo – spiega il codacons nell’esposto – nel filmato sarebbe stato illustrato come, tramite un escamotage tra carte di credito, sia possibile aggirare il divieto di utilizzo del sussidio, mostrando i vari passaggi da compiere per arrivare all’acquisto di un gratta & vinci con i soldi della sovvenzione governativa. quanto riportato nel filmato non solo è contrario a quanto imposto dal vicepremier Luigi Di Maio che, nei giorni scorsi, aveva tuonato contro la diffusione in tv di informazioni sulle modalità di raggiro delle norme sul reddito di cittadinanza, ma avrebbe di fatto agevolato l’utilizzo del sussidio in favore del gioco d’azzardo".

E ancora: "Il video potrebbe essersi quindi tradotto in una sorta di induzione a eludere e raggirare le norme sul reddito di cittadinanza con una possibile frode ai danni dello stato e un danno economico evidente ed elevatissimo per la collettività – prosegue l’associazione – per tale motivo abbiamo deciso di chiedere alla procura di roma se la decisione di Floris di trasmettere il servizio in questione possa configurare l’induzione al gioco d’azzardo o una qualsiasi forma di favoreggiamento a delinquere. Chiediamo inoltre a La7, rete che da sempre si batte contro la ludopatia e il gioco d’azzardo, di sospendere Floris per il grave comportamento di ieri".

Commenti
    Tags:
    giovanni floriscodaconsgioco d'azzardofloris denunciatoreddito di cittadinanzaluigi di maioinduzione al gioco d'azzardo
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Fase 2, gli sconfitti sono i cani Nostalgia delle uscite in lockdown

    Coronavirus vissuto con ironia

    Fase 2, gli sconfitti sono i cani
    Nostalgia delle uscite in lockdown

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.