A- A+
MediaTech
Il tira e molla della Rai su Prix Italia a discapito dell’Italia

di Dom Serafini

Da quando é nato nel 1948, il Prix Italia, organizzato dalla Rai, é stato sempre una vetrina annuale sull’industria televisiva italiana. Anzi, é stato molto di piú: il primo al mondo come festival dei programmi televisivi delle stazioni inizialmente solamente pubbliche e poi anche private a livello internazionale.

Il Prix Italia ha attirato presidenti di grandi reti Tv, studi di Hollywood e giornalisti di tutto il mondo. L’intinerante Prix, assieme al Mifed di Milano (il primo mercato audiovisivo del mondo), portava i riflettori dell’industria audiovisiva mondiale in Italia, il primo a settembre, il secondo ad aprile e novembre. Senza trascurare il Festival del Cinema di Venezia, nato nel 1932, che rappresenta un altro primato italiano.

Oggi, con il nuovo management Rai, non sappiamo ancora se il Prix continuerá ad esistere o scomparirà dopo i suoi gloriosi (seppur accidentati) 68 anni. Dopotutto, il Mifed fu chiuso nel 2005 dopo 45 anni anche per colpa della politica di un governo di sinistra. Infatti, i vertici Rai non hanno ancora deciso se Prix Italia 2016 si terrá nel suo tradizionale periodo di settembre e non é stata nemmeno decisa la cittá che lo ospiterebbe.

Ció che é stato deciso é la sostituzione di Paolo Morawski come Segretario Generale con Vittorio Argento, entrambi ottimi giornalisti e dirigenti Rai. Da tener conto che, per ottenere un buon risultato quanto al numero di presenze, programmi in concorso e relatori delle conferenze, il calendario di un evento mediatico come il Prix dovrebbe essere annunciato almeno un anno prima e l’organizzazione dovrebbe iniaziare con nove mesi in anticipo. Non si puó pretendere di invitare alti dirigenti ed operatori radio-Tv con pochi mesi di preavviso in quanto le loro agende sono sempre piene di appuntamenti.

Quando era intinerante, il Prix era conteso dalle citta’ “bianche” (amministrazione Dc), ma con la scomparsa dello scudo crociato, le cittá ospitanti sono state anche “rosse” (come Bologna). Negli ultimi sette anni, ad ospitare il Prix era stata la Torino del sindaco Pd Piero Fassino che, sembra voglia continuare ad ospitare la manifestazione. Apparentemente ci sono altri elementi in ballo che stanno mettendo la direzione Rai in disaccordo, pertanto per interessi di parte si sta ancora una volta sacrificando quel poco che é rimasto dell’immagine dell’Italia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
prix italiaraimaggionicampo dall'orto
in evidenza
CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

Le foto

CR7-Manchester, divorzio vicino
Georgina mostra il pancione

i più visti
in vetrina
Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina

Alfa Romeo e Jeep protagoniste agli “International Motor Days” di Cortina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.