A- A+
MediaTech
Isis, minacce a Zuckerberg e Dorsey: video contro Facebook e Twitter

Due foto di Jack Dorsey, ceo di Twiter, e Mark Zuckerberg, ceo di Facebook, bucate da fori di proiettili. È l'immagine simbolo di un video propagantdistico dell'Isis in cui i due manager sono indicati come nuovi nemici del califfato.

Il video è stato scovato da Vocativ su Telegram. S'intitola Flames Of The Supporters e dura 25 minuti. Avverte che gli hacker islamisti stanno già cercando le contromisure alle censure dei social. Una conferma indiretta che la politica anti-Isis di Twitter e Facebook sta funzionando.

“Annuncaite ogni giorno di aver sospeso i nostri account”, afferma il video. “Ma non vi diciamo: è tutto quello che sapete fare? Se chiudete un acconto noi ne apriremo dieci e presto i vostri nomi daranno dimenticati dopo che noi avremo cancellato i vostri siti. È la volontà di Allah”.

Twitter via via irrigidito le proprie politiche. E, lo scorso 5 febbraio, ha affermato di aver cancellato 125 mila account di affiliati o simpatizzanti dell'Isis. E anche Facebook si sta impegnando a eliminare i profili e le pagine di propaganda che affiorano sul social network.

La guerra del califfato è anche cibernetica. L'Isis può vantare un gruppo di pirati informatici simpatizzanti (chiamato The sons of the Caliphate army) che, secondo stime (non verificate) avrebbe hackerato 10 mila account e 150 gruppi di Facebook e 5 mila account Twitter.    

Tags:
isismark zuckerbergjack dorseyfacebooktwitterhacker
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.