A- A+
MediaTech
La rassegna stampa nella newsletter di Giorgio Dell'Arti

 

ANTEPRIMA

Stamattina • Oggi • Domani

Di Giorgio Dell'Arti

STAMATTINA

Clamoroso

Katharina Andresen, norvegese, 21 anni, patrimonio da 1,2 miliardi di dollari, padre Jonan Henrik che ha fatto i soldi col tabacco, il 13 novembre sorpresa dalla polizia sulla strada verso la sua tenuta di Hafjeli con 0,061 grammi di alcol nel sangue quando il limite massimo è di 0,02. Le comminano 18 giorni di prigione e una multa di 25 mila euro. In Norvegia infatti la sanzione è proporzionata al reddito della persona, secondo il principio che il sanzionato «se ne deve accorgere». I giornali hanno protestato, in base a quel principio la sanzione avrebbe dovuto essere di 3,6 milioni [Gramigna, CdS]
 
Cose di cui parlano tutti
La vittoria dei Cinquestelle a Ostia (60 a 40 sulla candidata di destra, ha votato uno su tre), il generale Guido Conti, di anni 52, suicida per il rimorso d'aver concesso alcune autorizzazioni per la costruzione di un centro benessere a Rigopiano (un colpo di calibro 9 alla tempia dopo essersi chiuso in macchina), Merkel non riesce a formare un governo e va dal presidente della Repubblica Steinmeier per informarlo (il punto di rottura con Verdi e liberali è la storia del ricongiungimento familiare degli immigrati siriani che hanno ottenuto l'asilo), Mdp Si e Possibile respingono le aperture di Fassino-Pisapia nonostante Prodi benedisca la sinistra unita (la Cgil si prepara alla mobilitazione sulle pensioni), la Juve perde, la Roma vince il derby, l'Inter è seconda, il Napoli sempre primo, Belotti sbaglia un rigore, Tavecchio non vuole dimettersi e si presenta a mezzogiorno davanti al consiglio federale che dovrebbe indurlo ad andarsene, Mugabe non vuole dimettersi ed appare in televisione per dire agli abitanti dello Zimbabwe che «farà meglio» (sta pagando la scarsa popolarità della moglie Grace a cui s'era messo in testa di affidare il paese), il sottomarino sparito in Argentina, ecc.
 
Berlusconi
Berlusconi ha mandato un video a quelli di Senior Italia Federazioni (federazione delle associazioni della terza età) riuniti a Rimini. Il video comincia: «Cari amici, cari coetanei...». Promette che, quando sarà al governo, creerà un ministero dei vecchi, a completamento del programma che prevede dentiere gratis, agevolazioni per la cura degli animaletti di compagnia, l'aumento di tutte le pensioni basse a 1.000 euro, ecc. [Giornale].
 
Pannoloni
«Dittatura dei pannoloni» [titolo di Libero, dedicato però al ritorno in campo di Prodi].
 
Supercentenari
Nel mondo ci sono solo 150 supercentenari, uomini e donne che hanno superato i 110 anni di vita. James Clement, che li cerca per raccoglierne il dna e studiarlo (finora ha sequenziato il genoma di 35): «Ho creato dei Google Alerts che mi avvisano quando qualcuno scrive sul web frasi che riguardano i compleanni oltre il 105esimo. Poi con lunghe ricerche su Internet e usando mailing list come World’s oldest people, che ha corrispondenti da tutto il mondo e che segnalano articoli, date di nascita e annunci di ultracentenari». Una volta trovati i suoi bersagli, Clement parte, si presenta e chiede, non senza un qualche imbarazzo, un campione di Dna. «Più di un supercentario mi ha detto: “Abbiamo ricevuto questo dono della salute e ci fa piacere condividerlo con gli altri”. Tutti gli over 110 hanno avuto delle vite pressoché a prova di malattia. James Sisnett, nativo delle Barbados, che ha vissuto fino a 113 anni, è stato dal medico solo una volta, a nove anni, per un mal di denti. Cura prescritta: un bicchiere di rum». Un’altra supercentenaria, Leila Denmark, medico, è andata in pensione a 103 anni. «A sentirla il suo segreto è aver evitato di mangiare troppo zucchero». «Ma il salutismo è un’eccezione. Diversi di loro hanno fumato per novant’anni – come il tedesco Johannes Heesters (108 anni) – o bevuto vino normalmente» [Aluffi, Rep].
 
Giovani
La preside del liceo Virgilio di Roma, Carla Alfano, avendo convocato i genitori di ragazzi che fumavano spinelli, si sentì rispondere da questi genitori che gli spinelli andavano bene perché servivano a tener calmi i figli e quanto alla coca qualche madre ha detto «meglio a scuola che in strada» e qualche padre «vuol dire che qui c'è roba buona». Questi medesimi studenti - dice la preside - fanno parte di un gruppo di strafottenti che adoperano il Virgilio come un territorio da occupare e controllare, gira la coca, durante l'ultima occupazione ci si ammucchiava senza ritegno (con relativo viceo-hard per scandalizzare i benpensanti), bombe carta durante la ricreazione, pallonate alle finestre, fumo in faccia agli insegnanti. Costoro - dice la preside - hanno formato un Collettivo che si dice impegnato in politica, «ma questi qui l'impegno politico non sanno neanche cosa sia. La verità è che in ogni classe ci sono loro rappresentanti. È come un vivaio: all’occupazione c’erano ex alunni di 22-23 anni. Adesso però ce ne sono anche di 14 anni. Hanno un atteggiamento di sfida, intimidiscono compagni e adulti. Senza parolacce, perché comunque vengono da famiglie della Roma bene» [Piccolillo, CdS 18/11].
 
Genitori
Marco Luzzatto, uno dei genitori del Virgilio. «Non capisco perché si debba parlare in modo denigratorio di una scuola con 1.300 alunni continuando a inanellare una serie di episodi che accadono in ogni parte del mondo. Perché nessuno ricorda che siamo primi nella classifica di Eduscopio per l’indirizzo scientifico?» A suo dire sulla droga circolata alla festa c'è stata «ipocrisia mediatica»: «Lo spaccio c’è in tutte le scuole. Volete sapere dove si trova la migliore cocaina della città? Al Lucrezio Caro. I ragazzi hanno fatto una stupidaggine, non hanno ancora sviluppato il senso di responsabilità». Ma non sarebbe giusto rimproverarli? «A mio figlio ho detto che ai miei tempi gli spacciatori li portavamo dietro la palestra e non tornavano a casa sulle loro gambe» [Fiaschetti, CdS 18/11]
 
Studenti
Descrizione del Collettivo: «Si riuniscono una volta ogni due settimane in piazza della Moretta. Il loro movimento è “antifascista, antirazzista e antisessista”. Più di qualcuno è attivo fuori dal Virgilio, con partecipazioni a iniziative dell’area antagonista, a Roma e in altre regioni. I loro nomi sono conosciuti da polizia e carabinieri. I ragazzi non si riconoscono nei partiti, neanche nel Movimento Cinque Stelle, e si dicono sfiduciati dalla sinistra. Alle prossime elezioni i maggiorenni pensano di votare scheda bianca, sempre che non spunti un candidato in grado di scalfire la loro disaffezione». Musica trap (misto tra rap, dubsted ed elettronica), artisti: Sfera Ebbasta, Ghali e Dark Polo Gang[Fiaschetti - Frignani, CdS].
 
Dread
«Chi ha i dread (le trecce tutte nodi ottenute non lavandosi i capelli per mesi, ndr ) ma non è un rastafariano e chi può sembrare uno skinhead solo perché ha la boccia (la testa rasata, ndr )… Ormai tutto è sdoganato» (uno del collettivo) [ibid.]
 
Madre
Luisa Velluti, 29 anni, parrucchiera di Falcade in  provincia di Belluno, adottata a due mesi, si mette in caccia della madre attraverso il Tribunale dei minori e l'intervento del programma tv Chi l'ha visto?. Senonché arriva una lettera della madre, scritta al computer: «Per me sei solo la più dolorosa ferita che ho avuto a 18 anni. Tutto sognavo e tutto potevo sperare, ma non certo la violenza che ho subìto e di cui tu sei simbolo. Non ho scelto io di chiamarti così né di averti». Poi: «In te rivedo quei maledetti occhi azzurri» (dunque la madre sa chi è, l'avrà pedinata e vista da vicino, magari andando per la permanente nel suo negozio). Luisa, intervistata da Enrico Ferro di Repubblica, dice di immaginare questa madre «bionda, con gli occhi azzurri e non tanto alta. Come me».
 
Aborti
Don Francesco Pieri, docente alla facoltà teologica dell'Emilia-Romagna, sostiene che ne ha uccisi più la Bonino che Totò Riina (per via delle lotte in favore dell'aborto) [Gonzato, Libero].
 
Materassi
«Primi del Novecento, in un sobborgo fiorentino tre sorelle e una domestica vivono isolate dal mondo: Teresa e Carolina ricamano corredi e cercano di risollevare le sorti dell'azienda familiare. Giselda, abbandonata dal marito, coltiva risentimento e rabbia, mentre la domestica, Niobe, alimenta ottimismo e saggezza popolare. Una quiete su cui piomba la tempesta: un nipote, figlio di una quarta sorella morta, bello e spietato, risveglia e seduce le anziane signore fino a trascinarle alla rovina» (trama de Le sorelle Materassi, di Palazzeschi, in scena al Quirino di Roma con Lucia Poli e Milena Vukotich dal 21 novembre) [Antonucci, Messaggero].
 
Bamboccioni
Il 66 per cento dei 18-34enni vive ancora con i genitori (nel 2015 erano il 67,3) [Giornale].
 
Pierino
Alvaro Vitali, 67 anni, l'ex Pierino del cinema anni Settanta, dato per morto come ogni anno in questa stagione, intervistato da Chiara Maffioletti del CdS dice di aver scritto una sceneggiatura in cui Pierino s'è fatto frate e vuole convincere i ragazzi a studiare.
 
Cani
«Sid è normale ma con un carattere tosto, tolto troppo presto alla mamma, che purtroppo ha subìto un percorso iniziale sbagliato, anche se ora sono sulla giusta strada». Così, su Facebook, il signor Daniele Conte, di anni 28, parlando del suo bull-terrier, il quale alla fine ha preferito sbranare il suo addestratore Davide Lobue, di anni 26, restandosene poi seduto accanto al cadavere ad aspettare che arrivasse qualcuno (in un giardino recintato a pochi passi da alcune palazzine a Monteu da Po, nel Torinese) [Cravero, Rep]
 
Sottomarino
Il sottomarino argentino San Juan è scomparso da mercoledì mentre stava navigando a quattrocento chilometri dalle coste patagoniche. A bordo ci sono 43 uomini e una donna. Il ministro della Difesa Oscar Aguad dice che le antenne puntate verso l'Atlantico meridionale hanno captato tra le 10.30 e le 15.42 di sabato sette segnali da 4,36 secondi. Si ipotizza un guasto al sistema elettrico o un incendio. Il tempo è cattivo, raffiche di vento gelido arrivano dal Polo, onde di cinque-sei metri. Le navi di Regno Unito, Cile, Brasile, Uruguay, Stati Uniti e Sudafrica stanno raggiungendo l'area interessata [Mastrogiacomo, Rep].
 
Sottomarino 2
«Il San Juan è di fabbricazione tedesca, costruito nel 1985 ed era stato recentemente sottoposto a una manutenzione che, sulla carta, gli avrebbe allungato la vita di almeno altri 20 anni. Il quotidiano Clarin ha intervistato il suo primo capitano, Carlos Zavalla, che lo portò 32 anni fa dall’Europa all’Argentina. Zavalla ha spiegato che esistono diverse forme di comunicazione fra la nave e il mondo esterno; se si fosse rotta l’antenna di superficie, che esce per due metri dal livello del mare, a bordo c’è un telefono satellitare e, come ultima possibilità, si possono mandare delle boe colorate per segnalare la posizione. Ha ricordato che in termini di ossigeno e di viveri la nave ha un’autonomia ragionevole, di almeno due settimane. Il San Juan, va detto, non è un sommergibile enorme; è lungo 66 metri e largo appena 7 Con un mare agitato e in tormenta è come trovare un ago in un pagliaio» [Guanella, Stampa]
 
Calcio
«La discussione apertasi sul calcio mi sembra abbia un limite di fantasia, ha scelto un solo nemico, Tavecchio, che non è mai stato in campo e non ha mai giocato nessuna delle partite che ci hanno cancellato. Vada pure a casa, si può fare meglio, ma Tavecchio non c’era né quando siamo arrivati ultimi al Mondiale di Lippi né quando siamo stati mandati subito fuori al Mondiale di Prandelli. La crisi era già evidente in quel tempo. Mi sembra che stiamo parlando molto di un presidente e pochissimo di calciatori e di gioco, cioè di chi ha materialmente perso. La nostra crisi è lì» [Sconcerti, Corriere 18/11]
 
Ancelotti
«Ancelotti vuole un progetto dall’Italia. Io pensavo dovesse portarlo lui». [ibid.]
 
Derby
Per il derby Roma-Lazio la Questura ha schierato mille agenti [Gatti, CdS].
 
Raccattapalle
Sui raccattapalle che sabato in Roma-Lazio a un certo punto sono spariti: «Il regolamento Figc prescrive che ogni società ospitante “dovrà mettere a disposizione dieci raccattapalle” e a ciascuno dovrà essere fornito “un pallone”. Sono schierati così: due lungo ciascuna linea di porta, tre lungo entrambe le linee laterali. Il sistema si chiama Multiple Ball Supply System, si vide per la prima volta in una Coppa d’Africa di vent’anni fa: un raccattapalle, un pallone. Ma se la squadra di casa vince è la fine.
Nel 2015 Bari-Latina Primavera fu a tal punto deciso dalle perdite di tempo dei raccattapalle che il giudice sportivo invertì il risultato del campo, dando vittoria a tavolino agli ospiti. “C’era una regia” disse il tecnico del Latina, Marco Ghirotto. I ragazzi sono selezionati all’interno delle giovanili dei club» [Cito, Rep].
 
Juve 1
«La Juve ha speso 86 milioni di euro solo per Bernardeschi e Douglas Costa, ma in totale si superano i 190 considerando il riscatto di Cuadrado (20) e Benatia (17), l’investimento per il giovane Bentancur (9.5) oltre agli acquisti secchi,
cash, di Matuidi (20), Szczcesny (12,2), De Sciglio (12) e Höwedes (16,5). Una parte di questa somma andrà versata l’anno prossimo (quasi tutto Douglas Costa, un pezzo di Höwedes), ma comunque quando compri un’auto a rate poi il giorno del saldo arriva» [Crosetti, Rep]
 
Juve 2
E allora, nella sua formazione dal primo minuto, in quella titolare, la Juve ha rinunciato (o dovuto rinunciare) per 3 volte a Dybala, 5 ad Alex Sandro, 4 a Cuadrado, 3 a Pjanic e Matuidi, 11 a Marchisio, 3 perfino a Chiellini, 5 a Buffon, 8 a Douglas Costa. È chiaro che non si è gestito il meglio, si sono gestite difficoltà. È stata quindi per definizione una Juve in salita, e infatti ha 2 punti meno di un anno fa dentro un campionato che in testa è cresciuto. [Sconcerti, CdS]
 
Carige
La Cassa di risparmio di Genova e Imperia torna in quotazione oggi, dopo la sospensione di venerdì. I soci forti della banca (famiglia Malacalza, Gabriele Volpi, Aldo Spinelli e Coop Liguria) hanno infatti formalizzato l’impegno irrevocabile a partecipare all’aumento di capitale di 560 milioni. Ad oggi, secondo le stime dei vertici di Carige, l’operazione può contare su una copertura vicina ai 300 milioni di euro, più della metà del valore totale. Una percentuale alta, considerate le recenti premesse. Ma anche una cifra che la dice lunga sull’effetto diluitivo che l’aumento di capitale in partenza mercoledì provocherà: con le azioni messe sul mercato a 1 centesimo, lo sconvolgimento dell’assetto azionario di Carige appare scontato. E se, come ha ribadito lo stesso ad di Carige, Paolo Fiorentino, manifestazioni di interesse a mettere al sicuro quote della banca sono arrivate da fondi anglosassoni e italiani, ieri fonti finanziarie davano per certa la disponibilità di Intesa Sanpaolo alla “conversione parziale del bond senior da 35 milioni di euro in azioni Carige, in ottica di tutelare il proprio investimento”». «La sensazione - indica un analista - è che si vada verso una banca ad azionariato molto frazionato. E che non sarà semplice, per la famiglia Malacalza, arrivare al 28%, come richiesto nei giorni scorsi» [Ferrari, Stampa].
 
Bitcoin
L'euro viaggia verso 1,18 sul dollaro, il petrolio è in leggero calo, il bitcoin, dopo una flessione, ha superato il valore di scambio di ottomila dollari [De Casa, Stampa]
 
Marx
Parenti di Groucho Marx: «I Marx erano una famiglia povera, venuta dalla Germania yiddish: la madre “da un Paese di circa trecento anime, comprese quattro vacche, che c’erano arrivate per sbaglio”. A Brooklyn Groucho si trovò amorosamente e ferocemente avvolto dalla famiglia: nessuna famiglia è più avvolgente ed amorosa di una famiglia ebraica. Aveva uno zio pieno di debiti: ottantaquattro dollari soltanto con suo padre: possedeva una palla di biliardo numero nove (rubata), una scatola di pasticche per il fegato e uno sparato di celluloide; viveva a sbafo, e fece di Groucho il suo unico erede. Un altro zio era pedicure: dopo essersi invitato a pranzo, asportava con garbo i calli accumulati dal padre di Groucho battendo i marciapiedi in cerca di lavoro: il suo onorario era modesto; venticinque cents per entrambi i piedi. Un terzo zio, che ebbe uno straordinario successo, stirava pantaloni in una ditta di Manhattan. Come si conviene a un ebreo di Brooklyn, il padre faceva il sarto: o meglio immaginava di fare il sarto: non prendeva mai le misure a nessun cliente: gli bastava guardarlo; e i risultati delle sue previsioni erano più o meno esatti come le previsioni di Chamberlain sul conto di Hitler. Era facile riconoscere i suoi clienti: andavano in giro con un calzone più corto dell’altro, una manica più larga dell’altra, e il bavero della giacca incerto su dove posarsi. Non aveva mai due volte lo stesso cliente: doveva andare di continuo a caccia di clienti nuovi – sempre più lontano, a Hoboken, Pasaic, Nyact e altrove, finché molte settimane la spesa del tram superava il guadagno, e i suoi calli erano duri come pietre» [Citati, Rep].
 
Groucho
«I libri vanno a zig zag, avanti e indietro, indietro e avanti, perché Groucho non ha la più pallida idea, come Sterne, che un libro debba portare a una fine e a una conclusione. Quello che gli importa è raccontare menzogne: menzogne e menzogne; una più grande dell’altra; perché non c’è nessuna differenza tra verità e menzogna o tra i suoi libri e quelli copiati dagli altri» [Citati, sta parlando degli ultimi due libri di Groucho Marx, ristampati da Adelphi, Rep].
 
Vivi
«Sono troppo gentile perché i nemici mi servono vivi» [Antonio Ricci a Francesco Rigatelli, Libero].
 
Robot
Il robot Alantim - 400 mila frasi stampate nei suoi circuiti e un impiego al Museo della Scienza dove avrebbe fatto da guida agli spettatori - è stato ammazzato da uno sconosciuto a colpi di mazza da baseball mentre passeggiava per le vie di Mosca e studiava se sarebbe stato possibile far circolare per quelle strade automobili senza nessuno al volante. Subito i russi hanno pensato di inaugurare con la sua sepoltura il nuovo cimitero elettronico del PhysTechPark. Così è stato fatto e al termine della cerimonia, e prima della sepoltura, un robot gemello di Alantim ha pronunciato un discorso in memoria, che si dice molto commovente [Castelletti, Repubblica 18/11]
 
Majakovskij
«Nel 1915, alla vigilia della Rivoluzione, Vladimir Majakovskij “era un elegantone. Con tanto di finanziera e cilindro. Quelle cose, però, le aveva comprate in un negozio di confezioni a buon mercato”» (Lili Brik nel libro Con Majakovskijdi Carlo Benedetti) [Baudino, Stampa].
 
Manganelli 1
«Il recensore è sempre stato, è, e sarà sempre un demente» (Giorgio Manganelli, a suo volta recensore attivissimo) [Emanuele Trevi recensendo Discorso dell'ombra e dello stemma, sottotitolo Del lettore e dello scrittore considerati come dementi Adelphi].
 
Manganelli 2
«Riesco a immaginare un tempo senza auto, senza locomotive, senza bandiere, primi ministri, preti, zoo, valige ventiquattrore, televisione e dischi microsolco, ma non riesco a immaginare un mondo, un tempo, una serie, un rosario di generazioni senza letteratura» [ibid].
 
Brizzi
A un tratto, intervistata a Domenica Live su Canale 5, Clarissa Marchese ha ritrattato le sue accuse a Brizzi: «Ha solo chiesto se ero disposta a spogliarmi. Non mi ha fatto nulla» [Gloria Satta, Messaggero].
 
Musica
«Come può la cosiddetta “musica classica”, ascoltata da un pubblico di quattro pensionate e un paio di studenti Nerd del Conservatorio, parlare ai figli di Internet in un’epoca frenetica come la nostra?» Così il direttore d'orchestra Andrea Battistoni, collezionista di sigari cubani e fan delle rock band, a Leonetta Bentivoglio. Battistoni, veronese, trent'anni, vide un'Aida all'Arena di Verona quando aveva due anni. «Quello spazio impressionante rappresentò il mio imprinting di spettatore. Da bambino restai senza fiato per l’immensità del posto, la musica sublime e le candele che brillavano. Il pubblico eterogeneo dell’Arena va dal melomane al turista e al ragazzetto locale. Un popolo attraente, che reagisce in modo istintivo». Nel 2011 Battistoni ha guidato l’Orchestra Sinfonica della Rai nel concerto per i 150 anni dell’Unità d’Italia in Piazza Castello a Torino, davanti a venticinquemila persone, e l’anno dopo ha condotto la Filarmonica della Scala nel Forum di Assago, solitamente destinato al rock: «Queste operazioni sono parenti della festa popolare e spandono la gioia del fare musica di cui parlava Bernstein». Il direttore ritiene l'approccio laterale a sinfonie e opere liriche così importante da approvare persino l'applauso sbagliato tra un movimento e l'altro.
 
Zucchero
«Ma io non faccio blues, ci attingo e basta. Come nessuno può dire di far rock in Italia. Non abbiamo le radici in questi generi. Qui al massimo possiamo fare delle infarinature. Io posso dire di avere un’anima simile a loro, nonostante sia bianco» [Zucchero, parlando del suo ultimo cd Wanted con Stefano Landi, CdS 18/11].
 
Giornalisti
«Ringraziamo del rinfresco questa gran testa di cazzo del giovane Gianni Mura che si è fatto bocciare agli orali. E questo è il segnale che può diventare un buon giornalista» (Gualtiero Zanetti, direttore della Gazzetta dello Sport, al tempo dei tempi, quando Gianni Mura, oggi settantaduenne, non passò gli orali all'esame di giornalismo e Zanetti lo accolse in redazione con un rinfresco a base di spumante) [Damascelli, Giornale].
OGGI
Appuntamenti importanti
La riunione di Bruxelles per decidere a chi assegnare l'Agenzia del farmaco e l'Autorità bancaria europea. Milano favorita per il farmaco  Ema: a Bruxelles tutto pronto per voto dei 27 lunedì - Altre news ... Tavecchio dopo il no di Ancelotti dimissionario davanti al consiglio della Figc.
 
Agenda politica
Mdp, Si e Possibile presentano la legge che ripristina l'articolo 18 (Speranza: "Renzi cambi agenda o dialogo ... - La Repubblica), sul sito di Sinistra Italiana si può dire quale progetto di solidarietà si preferisce tra quelli finanziati dai centomila euro messi a disposizione dai parlamentari del partito, a Cosenza Minniti firma il protocollo di legalità (Appalti: lunedì firma protocollo Unical con ... - Giornale di Calabria), Gentiloni a Volpedo per la legge sui piccoli comuni (Il primo ministro Gentiloni in visita a Volpedo il 20 novembre - La Stampa), attenzione il Quarto stato che sta a Volpedo è una riproduzione, l'originale si trova al Museo del Novecento di Milano.
 
Informazioni di servizio
In Piemonte entrano in vigore le nuove norme in materia di gioco d'azzardo, si spengono quindi il 98% delle slot e delle videolottery (Piemonte, in vigore norme più restrittive sul gioco d'azzardo - Askanews), in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell'Infanzia e dell’Adolescenza oggi si possono donare, in oltre 1.400 farmacie italiane, medicine da banco, alimenti per l'infanzia e prodotti pediatrici (Inizio modulo
Fine modulo
Milano, torna «In farmacia per i bambini»: un aiuto ai minori in difficoltà), vanno in onda i due spot della presidenza del consiglio che vogliono incoraggiare le donne a denunciare le violenze subite dai loro partner (Violenza sulle donne, in dieci mesi ventiseimila ... - La Repubblica), a Fiumicino duecento nuovi parcheggi Executive, con servizio, volendo, di car valet (Roma, all'aeroporto di Fiumicino i nuovi parcheggi ... - Il Messaggero), a Recco, presente il ministro della Difesa Roberta Pinotti e il comandante dei carabinieri generale Tullio Del Sette, si inaugura la nuova stazione dei carabinieri (Recco: Carabinieri, la storia e l'inaugurazione della stazione - Levante ...), nuove tariffe Fastweb che l'ad Alberto Calcagno promuove come «trasparenti».
 
Scioperi
A Torino sciopero dei trasporti dalle 15 alle 18 (vogliono essere convocati dalla Appendino) e manifestazione davanti alla sede dell'Ance degli edili (contro il dumping aziendale), a Roma sit-in dei lavoratori delle autostrade davanti a Montecitorio (contro la bocciatura dell'emendamento Borioli-Esposito), sempre a Roma manifestazione degli operatori dei mercati rionali (questione dei canoni concessori).
 
Varie
A Treviso, al Campus dell'Università Ca' Foscari, viene presentato il settimo Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione a cura della Fondazione Leone Moressa. Famiglie e lavoratori stranieri, residenti in Veneto, hanno prodotto 13,8 miliardi di valore aggiunto equivalenti al 10,1% del Pil regionale, 774 milioni di Irpef versata. Ci sono oltre 47 mila imprese straniere: (Migranti: Fond. Moressa, in Veneto danno contributo pari al 10% Pil ...), a Trento si saprà oggi il tema del Festival dell'Economia 2018, in programma dal 31 maggio al 3 giugno dell'anno prossimo.
 
Televisione
Questa sera a Report si parlerà di flussi migratori dalla Libia (dal 2011 a oggi in Italia sono sbarcati oltre 700.000 migranti), della questione non ancora risolta del protocollo del prosecco (con un’intervista al governatore Luca Zaia) e dei pericoli che si corrono sedendosi davanti al caminetto (il riscaldamento a legna pesa per il 65% sul totale delle emissioni nazionali di particolato). 21.10 su Rai3 • Da questa sera parte la fiction Scomparsa con Vanessa Incontrada e Giuseppe Zeno (Rai1, 21.25). Le serie parla di due sedicenni sparite dopo una festa. La Incontrada: «Ci sono state scene di grande difficoltà emotiva da interpretare. Ho un bambino di 9 anni e adesso è tutto facile. Mi sono posta delle domande però: quando avrà 16, 17 anni, sarò in grado di stargli accanto, saprò dargli i giusti consigli, avere un rapporto equilibrato di confidenza?» Incontrada: "Che dolore interpretare una madre sulle ... - La Repubblica.
 
I santi di oggi
Sant'Edmondo, Beata Angela di San Giuseppe (Francesca Onorata Lloret Marti) e 14 compagne, sant'Avventore, san Basilio di Antiochia, san Bernoardo di Hildesheim, san Cipriano di Calamizzi, san Crispino di Ecija, San Dasio, san Doro di Benevento, san Francesco Saverio Can, san Gregorio il Decapolita, beata Maria dei Miracoli (Milagros) Ortelles Gimeno, beata Maria Fortunata Viti, san Silvestro di Chalon-sur-Saône, san Teonesto.
 
Vangelo di oggi
Mentre Gesù si avvicinava a Gèrico, un cieco era seduto lungo la strada a mendicare. Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. Gli annunciarono: «Passa Gesù, il Nazareno!».
Allora gridò dicendo: «Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!». Quelli che camminavano avanti lo rimproveravano perché tacesse; ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù allora si fermò e ordinò che lo conducessero da lui. Quando fu vicino, gli domandò: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». Egli rispose: «Signore, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato».
Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo glorificando Dio. E tutto il popolo, vedendo, diede lode a Dio [Luca 18, 35-43].
DOMANI
Compleanni (nati il 21 novembre)
Il giornalista Franco Monaco (103, l'italiano famoso* più vecchio della sua classe d'età), l'ex brigatista Giovanni Senzani (75), il garante Francesco Pizzetti (71), il saltatore con l'asta Renato Dionisi (70), lo scrittore Ezio Vendrame (70), il politico libanese Michel Suleiman (69), il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco (68), il mezzofondista Alberto Juantorena (67), il giornalista Bruno Perini (67), la giornalista Daniela Hamaui (63), l'imprenditore Pietro Boroli (60), il giornalista Stefano De Grandis (56), lo schermidore Massimo Cavaliere (55), il magistrato Alfonso Sabella (55), il politico Lorenzo Guerini (51), il politico Giuseppe Scopelliti (51), l'attrice Inés Sastre (44), il calciatore Vincenzo Iaquinta (38), la velista Cecilia Zorzi (23).
* Si intende qui per «famoso» qualcuno la cui biografia sia presente su wikipedia o su cinquantamila.it
 
Altro compleanno
Andrea Pezzi, nato a Ravenna il 21 novembre 1973. Conduttore-imprenditore. Esordio a Radio Deejay, dal 1996 al 2001 volto di Mtv Europe (Hot, Tokusho, Sushi, Tiziana, Kitchen, Bradipo), poi Italiauno (2008), la Rai (Serenate, Internet Café, Tornasole), una rubrica settimanale sul Sole 24 Ore, un libro nel 2006, Mondi nuovi (Hacca), seguito nel 2009 da Fuori programma (Bompiani). Consulente d’impresa e presidente di Ovo, network di contenuti tematici per la televisione (in società con Fininvest). Laurea in Psicologia all’Università di San Pietroburgo nel 2006. Claudia Pandolfi abbandonò il marito praticamente sull'altare per mettersi con lui. Alla fidanzara Cristiana Capotondi chiese un anno di castità (2013). La ottenne. «Andrea Pezzi è bravo a fingersi colto e preparato: il primo a caderci sono stato io, anni fa. Immaginavo fosse un giovane presentatore in gamba, invece era già un vecchio mestierante del sapere» (Aldo Grasso). Sue frasi: «Sono partito per le vacanze che ero gay e fidanzato con Morgan dei Bluvertigo, e ora sono diventato uno sciupafemmine» (estate 1999). «Sono un tipo cerebrale, per questo scelgo donne istintive, che ragionano con lo stomaco» (nel 2001). «Solo la vecchiaia è perfezione». «Il rapporto perfetto? Ognuno a casa sua».
 
Dieci anni fa
Mercoledì 21 novembre 2007. Uno sconosciuto molisano, di nome Nicola Storto, ha vinto il concorso indetto dal segretario del Partito democratico Walter Veltroni per il nuovo logo del partito. «Esso è costituito da una grande “P” verde, una “D” bianca che si staglia su di uno sfondo rosso e sotto, perfettamente allineata alla parte superiore, la scritta Partito Democratico, di colore nero, impreziosita da un piccolo ramoscello di ulivo. La sequenza cromatica verde bianco e rosso riporta all’identità nazionale che il partito vuole assumere. Inoltre, i tre colori utilizzati richiamano anche le tre culture presenti nel PD: il verde della cultura ambientalista e laica, il bianco del solidarismo dei cattolici moderati e il rosso della tradizione socialista e del mondo del lavoro» (Marina Ripoli, SpinningNews 2/7/2010).
 
Trent'anni fa
Sabato 21 novembre 1987. Dopo l'incontro sul set del film Stakeout, Bruce Willis, 32 anni, e Demi Moore, 25, si sposano al Golden Nugget Hotel di Las Vegas. Per lei, che ha avuto un'infanzia difficile (abbandonata dal padre, madre alcolista, quaranta traslochi da bambina, il patrigno s'è tolto la vita aspirando i fumi del tubo di scappamento della macchina ), si tratta del secondo marito. È già stata sposata - dal 1980 al 1985 - col musicista Feeddy Moore (di cui ha mantenuto il cognome, essendo nata Guynes).
Divorzio nel 2000, dopo la nascita delle figlie Rumer (1988), Scout LaRue (1991) e Tallulah Belle (1994). S'erano stufati da tempo uno dell'altra, ma restavano insieme perché non sapevano come dividere il maxiappartamento di Manhattan, la villa sulla spiaggia di Malibu, il ranch di 40 acri nell’Idaho, e le compartecipazioni nella catena di ristoranti Hollywood. Lui poi sposerà Emma Heming (2009), lei Ashton Kutcher, più giovane di 16 anni (2005, divorzio nel 2013). Bruce e Demi sono rimasti molto amici, al punto da formare con Kutcher quasi una famiglia.
 
Novant'anni fa
Lunedì 21 novembre 1927. «Roma. L'amministrazione dei Palazzi  apostolici è venuta nella deliberazione di sopprimere le vetture a cavalli, che non rispondono più alle esigenze dei tempi e che sono insufficienti e costose. I camerieri segreti e di onore, chiamati a prestare il servizio detto di anticamera, hanno diritto alla carrozza; ora avveniva che per l'allargamento della città alcuni di essi giungevano in Vaticano con grande ritardo e venivano poi ricondotti alle loro case ad ore avanzate. Le lagnanze erano divenute quotidiane e ciò ha indotto l'amministrazione a una risoluzione radicale. Cosi non si vedranno più per le vie dell'Urbe le grandi e pesanti vetture dei Palazzi apostolici trainate dalla  tradizionale pariglia di morelli: esse  saranno sostituite da automobili, non si sa ancora se noleggiate oppure  acquistate. Si spera cosi di ottenere una maggiore sollecitudine nei servizi e di risparmiare nella spesa» (dal Corriere della Sera).
 
Lettere
Vorrei rientrare nella mailing list. Da due giorni non arriva più e mi manca.
Daniela Artioli
•••
 
Gentile Dell’Arti, ho letteralmente divorato oggi il primo numero di “Anteprima” ricevuto sulla mia casella mail. Grazie. Purtroppo mi sono perso i primi numeri a causa di un mio stupidissimo errore. Avevo inoltrato la richiesta all’ indirizzo gda@vespino.com invece che gda@vespina.com! Ma la cosa buffa è che la mail inviata erroneamente non è rimbalzata ed è andata a buon fine. Ne deduco quindi che, da qualche parte nel ciberspazio, esiste qualcuno con un indirizzo mail pericolosamente simile al suo.
Sergio Carrara
Dalmine (BG)
•••
Buongiorno Direttore, ieri leggevo due articoli che parlano bene del Suo quotidiano e ho chiesto di riceverne qualche numero. Stamattina è arrivato, e di ciò ringrazio. La «conoscev» attraverso un Suo romanzo e la rubrica sul Sole, quindi ho creduto alle recensioni. Spettacolare: io sono un po’ prolisso, quindi adoro la sintesi, mi piace che siano messi in rilievo i punti centrali, i nodi che vincolano, e quindi definiscono, l’intera struttura. E ho letto (quasi) tutto nel mio breve percorso in tram. Quando diverrà a pagamento disdirò il NYT e sottoscriverò Anteprima. Buon lavoro
Pierluigi De Biasi
•••
Piace tantissimo la sua nuova newsletter. Great morning reading.
Buona giornata,
Monique
•••
Caro Dell’Arti, l’Anteprima di oggi, 17 novembre, mi è stata particolarmente utile per il Reading sui Ragazzi del ’99 che sto rappresentando proprio in queste date, e proseguirà nel 2018.
L’Ordine del giorno di Armando Diaz del 18.11.1917 non lo conoscevo e lo inserirò nel racconto. Il Reading, basato su quello straordinario testo che è il dattiloscritto autobiografico del bracciante siciliano analfabeta Vincenzo Rabito, pubblicato da Einaudi con il titolo di Terra Matta, ci documenta di una vicenda, quella dei Ragazzi del ’99, ben lontana dalla retorica propagandistica di Diaz e D’Annunzio. Viene un bel contrasto tra queste diverse voci. Un caro saluto,
Saverio Senni
 
 
Stamattina non sapevo come chiamare gli abitanti dello Zimbabwe. Zimbabwiani? No, impossibile. Ci vediamo domani.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dell'arti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.