A- A+
MediaTech
William MacAskill, il filosofo dell'altruismo che ha conquistato Elon Musk

Così il filosofo dell'altruismo William MacAskill è diventato uno dei "migliori amici" di Elon Musk

Quando i messaggi di Elon Musk sono stati resi noti nell'ambito di un procedimento giudiziario per la proposta di acquisto di Twitter, si è scoperto che l'uomo più ricco del mondo era in contatto con miliardari del settore tecnologico, dirigenti e banchieri. Tra questi leader d'azienda, come rivela il New York Times, c'erano anche i messaggi di un filosofo morale scozzese.

Il filosofo, William MacAskill, fungeva da intermediario per il cripto-miliardario Sam Bankman-Fried, che "da un po' di tempo è potenzialmente interessato ad acquistarlo e a renderlo migliore per il mondo", ha scritto MacAskill a Musk a marzo, riferendosi a Twitter. L'apparizione di MacAskill in questa serie di messaggi, insieme alle apparizioni televisive e ai profili delle riviste, ha contribuito a creare un senso di improvvisa ubiquità, improbabile se si considera la sua professione, di solito stazionaria e legata a una torre d'avorio. Ma il suo ultimo libro, "Cosa dobbiamo al futuro", è diventato un best seller dopo la sua pubblicazione in agosto.

Il suo profilo in ascesa è parallelo alla crescita mondiale della comunità di donatori che ha contribuito a fondare, l'altruismo efficace. Un tempo una ricerca di nicchia per vegani convinti e donatori volontari di reni che vivevano in modo frugale per avere più soldi da donare per interventi medici a basso costo nei Paesi in via di sviluppo, è emersa come una forza significativa nella filantropia, specialmente nelle donazioni dei millennial e della Gen-Z.

"Consigliare i miliardari su come regalare i loro soldi e incoraggiarli a donare di più non è certo l'obiettivo della mia vita", ha dichiarato in un'intervista MacAskill, professore di filosofia a Oxford. Ma ne vede l'utilità, a partire dal comandamento centrale dell'altruismo effettivo di fare il massimo bene possibile".

"Se posso aiutare a incoraggiare le persone che hanno enormi risorse a non comprare yacht e a destinare quei soldi alla preparazione alle pandemie, alla sicurezza dell'intelligenza artificiale, alle zanzariere e al benessere degli animali, è una cosa davvero buona da fare", ha detto MacAskill. Musk e MacAskill si conoscono dal 2015, quando si sono incontrati a una conferenza sull'altruismo effettivo. Musk ha anche affermato su Twitter che la filosofia di donazione di MacAskill è simile alla sua.

L'altruismo efficace si concentra sulla questione di come fare del bene con il denaro e il tempo a disposizione. MacAskill è stato uno dei fondatori del gruppo Giving What We Can, nato a Oxford nel 2009. I membri hanno promesso di devolvere almeno il 10% dei loro guadagni agli enti di beneficenza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
elon muskmacaskill





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.