A- A+
MediaTech
Apple E3 (22)

Apple avrebbe nascosto al fisco italiano un miliardo e 60 milioni di euro. La procura di Milano ha aperto un'inchiesta sulla multinazionale californiana dell'iPhone per sospetto reato di dichiarazione dei redditi fraudolenta, per ora contestato a due manager dell'azienda, in concorso tra loro e con l'aggravante della continuazione nel tempo. Lo rivela il settimanale l'Espresso, spiegando che il nome dei due dirigenti, in attesa di ulteriori accertamenti, e' al momento ancora riservato.

Gli importi sottratti al fisco italiano sarebbero molto rilevanti. Secondo le ipotesi investigative, Apple Italia avrebbe sottostimato di 206 milioni di euro circa l'imponibile fiscale del 2010 e di oltre 853 milioni quello del periodo d'imposta 2011, avvalendosi di mezzi fraudolenti per ostacolare l'accertamento.

In pratica, nei due anni contestati finora, Apple avrebbe nascosto al Fisco un miliardo e 60 milioni di euro di quelli
che in gergo tributario si chiamano gli ''elementi attivi'' che concorrono al formazione dell'imponibile. Secondo l'accusa, i profitti realizzati in Italia da Apple venivano contabilizzati dalla societa' di diritto irlandese Apple Sales International, seguendo uno schema molto diffuso anche in altre multinazionali dell'hi-tech e di internet, Google in primis, grazie al quale questi gruppi riescono a pagare tasse risibili sui loro enormi profitti, approfittando di una serie di norme nella legislazione irlandese che, di recente, sono state messe sotto osservazione dall'Unione europea.

Il titolare dell'inchiesta, il sostituto procuratore Adriano Scudieri, insieme all'aggiunto Francesco Greco, ha ordinato il sequestro di un corposo lotto di materiale informatico e telefonico, dopo una perquisizione che si e'svolta nella sede della Apple in piazza San Babila a Milano.

Tags:
frodeappleprocura di milano

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.