A- A+
MediaTech
Coronavirus, Ruben Razzante: "Task force anti-fake news non è un bavaglio"
Ruben Razzante

Coronavirus, Ruben Razzante: "Task force anti-fake news non è un bavaglio"

Ruben Razzante, Professore di Diritto dell’informazione all’Università Cattolica di Milano e fondatore del portale www.dirittodellinformazione.it, è entrato a far parte dell’Unità per il monitoraggio contro le fake news sul Coronavirus, istituita nei giorni scorsi dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega all’editoria, Andrea Martella.

Professore, c’era proprio bisogno di una task force del Governo sulle fake news?
"Agli italiani sono state imposte una serie di restrizioni per la loro salute. Ma senza una informazione adeguata e riconducibile a fonti istituzionali e certificate tali misure potrebbero non essere rispettate da tutti, con il rischio che aumentino i contagi. La task force si occuperà di monitoraggio di notizie false che circolano su siti, blog, social ma senza pronunciare giudizi o esprimere valutazioni su singole fake news o presunte tali. Punterà più che altro a fornire agli utenti criteri per riconoscere più rapidamente informazioni vagliate e accreditate e notizie non verificate e di dubbia autenticità. In Rete operano anche sciacalli che - solo per aumentare il numero di visualizzazioni - pubblicano contenuti palesemente inverosimili ma l’informazione di qualità è il primo alleato dei cittadini in grado di fare breccia nel pubblico più sprovveduto. Questa informazione-spazzatura influenza i comportamenti e produce dei danni alla nostra salute: deve essere combattuta e arginata. E’ necessario quindi valorizzare le notizie attendibili e certificate. nella battaglia contro il virus dell’infodemia, che si è affiancato a quello della pandemia".

RubenRazzante 0052Ruben Razzante
 

Sulla task force del Governo sono piovute critiche da più parti, soprattutto dalle opposizioni. Come replica a queste accuse?
"Anzitutto tengo a puntualizzare che moltissimi esponenti delle opposizioni, in particolare di Forza Italia, hanno valutato più che positivamente l’iniziativa. Le finalità della task force sono chiaramente esplicitate nel decreto istitutivo: definizione di opportune modalità idonee a potenziare e rendere più visibile e accessibile l’informazione generata dalle fonti istituzionali, anche attraverso un migliore posizionamento sui motori di ricerca e sui social media;promozione di partnership con i diversi soggetti del web specializzati in fact checking e con i principali motori di ricerca e piattaforme social, al fine di valutare le misure più appropriate per individuare i contenuti non veritieri relativi al COVID-19;promozione di iniziative volte a favorire il coinvolgimento di cittadini e utenti delle piattaforme social nell’individuazione e segnalazione - alla stessa Unità di monitoraggio - di contenuti non veritieri relativi al COVID-19. La task force contro le fake news non sarà dunque un ministero della verità né un tribunale dell’inquisizione: non si occupa di giudicare le opinioni e di emanare sentenze. Il libero esercizio del diritto di critica è sacro, ma le fake news sono dannose per la salute dei cittadini. In un periodo di emergenza sanitaria le bufale possono indebolire lo sforzo di contenimento del contagio. Sul web le notizie campate in aria proliferano: dall’insinuazione che il governo alimenti l’epidemia per guadagnare benefici dai fondi dell’Ue - minando dunque l’esigenza del lockdown - all’idea degli animali domestici “untori” che ha già provocato abbandoni di cani e gatti fino alle pseudo-terapie che promettono un’illusoria e facile guarigione dal Covid-19.Nei prossimi giorni si chiarirà ancora meglio la finalità del nostro lavoro, che peraltro è gratuito. Una sorta di missione al servizio del diritto dei cittadini a una corretta informazione in una fase così delicata per le nostre vite".

Razzante 21 05 2018 098Ruben Razzante
 

Come frenare l’informazione-spazzatura?
"Gli utenti e i colossi del web saranno i nostri interlocutori in questa difficile battaglia, per scovare i contenuti non veritieri. Quindi l’idea è di fornire strumenti per esercitare un sano discernimento e stimolare tutti a fare verifiche su più fonti. Nessuno dirà che tutte le notizie provenienti da un determinato sito sono false perché nessuno vuole censurare alcunché. Occorre valorizzare i contenuti di qualità e l’informazione professionale certificata e fondata su fonti certe e accreditate". 

Le fake news sono sempre esistite. Non crede ci debbano essere interventi sovranazionali per combattere il fenomeno?
"Iniziative contro le fake news sono già state intraprese da Unione europea, Organizzazione Mondiale della Sanità e altri soggetti istituzionali internazionali. Nel settembre 2018 l’Unione europea varò un codice di autoregolamentazione anti-fake news, che i colossi del web hanno sottoscritto e rispettato, contribuendo a combattere questa battaglia. Loro sono decisivi perché il virus della disinformazione viaggia soprattutto sulle piattaforme social, dove spesso un’interpretazione viene spacciata come verità oggettiva e si tende a mistificare la realtà".

Commenti
    Tags:
    ruben razzantefake newscoronavirusfake news coronavirustask force fake news
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica

    Mercedes lancia EQV, monovolume a trazione elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.