A- A+
MediaTech
Rai, "Che tempo che fa" costa 18 milioni: oltre 10 vanno alla società di Fazio
Fabio Fazio

Non solo 2.240.000 milioni di euro all’anno. Stando a quanto rivelato dal Fatto Quotidiano, nelle tasche di Fabio Fazio per il suo "Che tempo che fa" finirebbero molti più soldi. Supera infatti i 18 milioni il conto del programma.

Finora era appunto noto solo il compenso del conduttore “per l’opera artistica e professionale” che sta prestando per 64 puntate per il ruolo di “conduttore, autore testi/consulente artistico-autorale, direttore artistico”, per quattro anni, fino al 2021.

Ma ora il Fatto, carte alla mano, svela anche i costi di produzione con “appalto parziale” (senza gara) e lo sfruttamento del format, contrattualizzati con Officina Srl, società proprietaria del format che ne realizza la produzione (le cui quote sono detenute al 50 percento da Fazio stesso, il restanteda Magnolia), per evitare che le emittenti concorrenti potessero mettere le mani sul programma di Fazio.

"I 18.325.350 euro di costi annui sono così suddivisi - scrive il Fatto - : 1 0.6 44.400 per il solo primo anno del quadriennio, di cui 704.000 annui per i diritti del format, il resto sono quindi i costi di produzione. Denaro che finisce nelle casse di Officina Srl. Poi, per la Rai, ci sono i costi di rete: scenografia, regia, redazione, acquisto diritti di filmati e foto, quantificati in 2,8 milioni di euro. A ciò si aggiungono altri 2,6 milioniper costumi, trucco, riprese, servizi in esterna e così via. Per ogni puntata in prima serata, quindi, la Tv di Stato spende 409 mila euro”.

Tags:
fabio fazioche tempo che fail fatto quotidianoraicontratto fazio
in evidenza
Renzi-Open, ispettori a Firenze Bravo Nordio, il commento

Annalisa Chirico debutta su Affari - GUARDA IL VIDEO

Renzi-Open, ispettori a Firenze
Bravo Nordio, il commento


in vetrina
Poste Italiane, consegnato il Premio Speciale Matilde Serao

Poste Italiane, consegnato il Premio Speciale Matilde Serao


motori
Apre a Bologna la “Maison Citroën”

Apre a Bologna la “Maison Citroën”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.