A- A+
MediaTech
Rai e la "trattativa" con Campo Dall'Orto: “Quant'è? Quanto quello di prima”

Antonio Campo Dall'Orto ha svelato, durante l'audizione nella Commissione di Vigilanza Rai, la sua trattativa con l'azienda. Che poi trattativa non è stata. “In tutti i lavori precedenti io ho negoziato il mio stipendio. Per questo incarico ho detto: ‘ditemi voi quant’è’. Mi hanno risposto ‘quanto quello di prima’. E io: ‘va bene’”.

Un retroscena che Campo Dall'Orto ha raccontato per descrivere la sua politica sugli stipendi dopo le polemiche dei giorni scorsi. La Rai ha infatti diffuso stipendi di dipendenti e consulenti, con annesse paghe generose destinate a risorse esterne o a dipendenti fermi da un pezzo.

Il direttore generale ha risposto no alla trasparenza anche sui compensi delle star. Il motivo. “La Rai è un'azienda mista”, che si finanzia con il canone ma anche sul mercato. Ecco allora che svelare le paghe sarebbe “un elemento di modifica della concorrenza con altri soggetti”.

Per quanto riguarda gli stipendi già svelati, invece, Campo Dall'Orto ha affermato che il cda tratterà il problema dell'autoregolamentazione, in modo da “identificare delle fasce che evitino disparità tra ruolo e compenso”, con “indennità riassorbibili”. Tradotto: lo stipendio alto, di per sé non è un delitto. L'importante è che sia proporzionato alle performance e al reale lavoro svolto. Il riferimento e a figure che, pur avendo un ruolo nullo, percepiscono 200 mila euro.  

Tags:
raistipendi raiantonio campo dall'ortoaudizione commissione di vigilanza raiaudizione rai campo dall'orto
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.