A- A+
MediaTech
internet

Due notizie sul fronte dei ricavi dei servizi televisivi in Italia: la prima è che se nel 2011 la contrazione dei ricavi dei servizi televisivi era stata leggera, nel 2012 invece la flessione è "notevole", è dell'8,7%, vittima in particolare la tv in chiaro (-11,9%) mentre gli introiti della televisione a pagamento hanno registrato una riduzione più contenuta (-3,5%). La seconda è che Sky sorpassa Mediaset e Rai, con la quota più alta di ricavi e la minore flessione. Al secondo posto per ricavi c'è Mediaset, che però segna la flessione maggiore, e quindi la Rai, terza per ricavi e seconda per flessione annua. Lo dice la relazione annuale dell'Agcom presentata al Parlamento dal presidente Angelo Marcello Cardani.

Da un'analisi comparata dei ricavi pubblicitari nei vari comparti del settore media nel 2012, viene fuori che è in crescita soltanto la componente Internet, con un +10.3% (da 1,407 miliardi del 2011 a 1,552 miliardi). In calo tutte le altre voci, tra cui l'editoria, sia periodica sia quotidiana (quasi un miliardi di ricavi in meno nel 2012).

Le stime Agcom riferite al 2012 parlano di un totale ricavi televisivi pari a 8 miliardi 224 milioni 190mila euro, che nella suddivisione si traducono in 2 miliardi 631 milioni e 620mila euro per Sky, con una flessione dell'1,4% "a riprova - dice la relazione dell'Agcom - della maggiore capacita' di tenuta della televisione a pagamento". Per Mediaset invece ricavi pari a 2 miliardi 487 milioni e 790mila euro, con flessione però di ben il 13,2%. Poi la Rai con ricavi pari a 2 miliardi 343 milioni 180mila euro e flessione annua del 7,5%. Le voci delle entrate di Sky e Mediaset sono pubblicita' e offerte pay, mentre per il servizio pubblico le voci sono quelle del canone (nel 2012 pari a 1 miliardo 643 milioni 230mila euro) e della pubblicita', pari a 683 milioni 560mila euro. Sul totale dei ricavi, Sky e' a quota 32%, contro il 30,2% di Mediaset e il 28,5% della Rai. Per un'incidenza sul totale pari al 90,5%.

Il restante circa 10% dei ricavi televisivi è disperso tra un elevato numero di emittenti in chiaro e a pagamento, di rilievo nazionale o locale, tra cui spicca il gruppo Telecom Italia, presente nella televisione in chiaro con la controllata Telecom Italia Media, in quarta posizione con ricavi stimati in 146 milioni 610mila, in flessione del 7,7%, ricavi derivanti dalla sola pubblicità, e quota di mercato pari all'1,8%. Da rilevare che tale gruppo nel corso di quest'anno ha ceduto le attività relative all'emittente La7 al gruppo Cairo Communications. Nella classifica ci sono poi tutti gli altri operatori, considerati pari a una quota di mercato del 7,5%, con ricavi totali per 614 milioni 99mila euro, in flessione del 21%. Distinguendo tra tv gratuita e tv a pagamento, l'ammontare stimato (elaborando dati aziendali) dei ricavi 2012 per la prima e' pari a 4 miliardi 855 milioni e incide per il 59% del totale, mentre l'ammontare dei ricavi per la seconda voce e' indicato in 3 miliardi 369 milioni. La riduzione dei ricavi complessivi della televisione e' da imputarsi principalmente alla contrazione dei ricavi pubblicitari. A tal proposito, mentre nel 2010 si era assistito a una ripresa degli introiti pubblicitari, il 2011 ha visto una stagnazione dei medesimi aggravatasi nel 2012 con una flessione che l'Agcom stima essere pari al 17,9%. Eppure la pubblicita' rimane la principale fonte di finanziamento dei servizi audiovisivi su mezzi tradizionali, soprattutto della televisione in chiaro, con una quota del 42,2% delle risorse totali. Anche l'offerta pay appare interessata dalla congiuntura economica negativa, sebbene in maniera assai piu' contenuta, con una riduzione stimata pari all'1,4%.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
skymediasetraiantitrust
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Intelligenza artificiale Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022

Intelligenza artificiale
Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.