A- A+
MediaTech
Travaglio e il Fatto Quotidiano condannati a risarcire Renzi per 80 mila euro
Marco Travaglio Matteo Salvini

Renzi, Travaglio e il Fatto Quotidiano condannati a risarcirlo per diffamazione per 80 mila euro

Marco Travaglio e il Fatto Quotidiano, il giornale che dirige, sono stati condannati a risarcire per oltre 80 mila euro Matteo Renzi per diffamazione. A dare la notizia tramite i profili social è stato lo stesso leader di Italia Viva che ha così dichiarato chiuso uno dei contenziosi aperti con il giornalista.

L’annuncio di Renzi

“Stamani Marco Travaglio e Il Fatto Quotidiano sono stati condannati a risarcirmi ottantamila euro più le spese e gli interessi – ha scritto l’ex premier – per avermi ripetutamente diffamato. Per anni ho subito in silenzio, sbagliando. La condanna di oggi azzera le sofferenze per il passato ma pone una domanda agli addetti ai lavori della comunicazione: come può un diffamatore seriale che ha una collezione record di condanne continuare a fare la morale agli altri tutti i giorni in TV? Mistero. Intanto un pensiero alla mia famiglia che ha dovuto subire il peso di tutte le infamie e a tutti gli amici che non ci hanno mai abbandonato”, ha concluso Renzi.

LEGGI ANCHE: Odg, presentata alla Camera proposta per la riforma della professione

Nel mirino, come riporta Open, ben 14 pezzi su Renzi apparsi sul Fatto. “Una vera e propria campagna denigratoria”, riporta dispositivo della sentenza, di “eccezionale gravità, per la quale è prevista una condanna risarcitoria in misura superiore ad 50.000,00 euro. A pesare anche gli “appellativi offensivi” citati dal denunciante come ‘Bullo’, ‘Ducetto’, ‘Cazzaro’, ‘Mollusco’, ‘Disperato’, ‘Caso umano’, ‘Mitomane’, ‘Stalker’, ‘Cozza’, ‘Criminale’”.

La campagna diffamatoria – spiega il giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Firenze – è attribuibile “ai soli convenuti Marco Travaglio e alla Società editoriale il Fatto S.p.A., in solido tra loro, poiché deve ascriversi anche questa volta alla linea editoriale del quotidiano, più che ai singoli autori degli articoli”.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.