A- A+
MediaTech
Facebook vuole spegnere WhatsApp. "Zuckerberg punta su Messenger"

Facebook si appresterebbe a staccare la spina a Whatsapp, il popolarissimo sistema di scambio quasi gratuito di messaggi (si paga 0,99 centesimi di dollaro all'anno), che a febbraio ha acquisito pagandolo 19 miliardi di dollari.

L'obiettivo, scrive il britannico 'Daily Mail', sarebbe quello di obbligare gli utenti di Whatsapp ad usare la app proprietaria di Facebook, 'Messenger', lanciato 3 anni fa con scarsi risultati. Non e' chiaro se gratis, pur di 'girare' in ambiente Facebook ed aumentare ulteriormente gli 1,2 miliardi di suoi utenti.

La societa' di Mark Zuckerberg non ha ancora rivelato la data dello 'switch' ma ha deciso di partire dall'Europa con gli smartphone che usano il sistema Android e gli iPhone di Apple.

whatsapp

WhatsApp e Twitter tra bufale e realtà 

 

 

Tags:
fecebookmessengerwhatsapp
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news

Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news


casa, immobiliare
motori
Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile

Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.