A- A+
Medicina
Alzheimer cause: dormire poco accelera il danno cerebrale| Alzheimer news

ALZHEIMER CAUSE: DORMIRE POCO AUMENTA RISCHI ALZHEIMER, ECCO PERCHÉ | ALZHEIMER NEWS

Alzheimer novità: una mancanza di sonno accelera la diffusione attraverso il cervello di tossine che causano la demenza, avverte una nuova ricerca

Una scarsa quantità di sonno è stata a lungo collegata alla malattia di Alzheimer, ma fino ad ora non si sapeva molto su come le interruzioni del sonno influissero sulla malattia.

Il nuovo studio su uomini e topi ha scoperto che la privazione del sonno aumenta i livelli della proteina tau chiave dell'Alzheimer. E, negli studi di follow-up sui topi, i ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis hanno mostrato che l'insonnia accelera la diffusione attraverso il cervello di blocchi tossici di Tau.

I Tau sono forieri di danni cerebrali e passo decisivo lungo il percorso verso la demenza.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, indica che la mancanza di sonno da solo accelera la malattia e suggerisce che una buona notte di sonno può aiutare a preservare la salute del cervello.

ALZHEIMER PREVENZIONE: DORMIRE AIUTA A PREVENIRE IL RISCHIO ALZHEIMER |  ALZHEIMER NEWS

L'autore senior della ricerca sull’Alzheimer, David Holtzman, che è a capo del Dipartimento di neurologia, ha dichiarato: "La cosa interessante di questo studio è che suggerisce che i fattori della vita reale come il sonno potrebbero influenzare la velocità con cui la malattia Alzheimer si diffonde attraverso il cervello.

"Sappiamo che i problemi del sonno e l'Alzheimer sono associati in parte attraverso una diversa proteina di Alzheimer - beta amiloide - ma questo studio dimostra che l'interruzione del sonno fa sì che la proteina tau dannosa aumenti rapidamente e si diffonda nel tempo.”

E prosegue "Dormire bene è qualcosa che tutti dovremmo provare a fare. Il nostro cervello ha bisogno di tempo per riprendersi dallo stress della giornata. Non sappiamo ancora se ottenere un sonno adeguato, visto che le persone invecchiano, proteggerà contro la malattia di Alzheimer, ma non può far male, e questo e altri dati suggeriscono che potrebbe anche aiutare a ritardare e rallentare il processo della malattia se è iniziato."

Il tau si trova normalmente nel cervello - anche nelle persone sane - ma in certe condizioni può aggregarsi in grovigli che danneggiano il tessuto vicino e presagiscono il declino cognitivo.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alzheimer causealzheimer prevenzionedemenzaalzheimer news
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.