A- A+
Medicina
Antibiotici resistenza, allarme Onu: "10 milioni di morti l'anno nel 2050"

Antibiotici resistenza ai batteri, l'Onu lancia l'allarme: "Oggi 700mila persone l'anno muoiono per la resistenza antibiotici ma si arriverà a 10 milioni" - Salute e benessere

La resistenza agli antibiotici sta assumendo i caratteri di una crisi globale. A dirlo è l'ultimo rapporto "Gruppo di coordinamento sulla resistenza ai farmaci" dell'Onu sulla questione che conferma l'allarme già lanciato qualche tempo fa dai medici britannici. Interventi chirurgici e le malattie più diffuse sono diventate a rischio proprio perché i farmaci contro i batteri sono diventati meno efficaci. Questo vale anche per fungicidi, antivirali, antiparassitari e antimicrobici. 

Gli esperti stimano che a livello globale, quindi sia nei Paesi ricchi che in quelli poveri, la resistenza agli antibiotici provochi 700mil morti l'anno. Se però non si adotterà un approccio in cui gli investimenti in salute coinvolgano insieme uomo, animale ed ambiente si potrebbe arrivare a 10 milioni di morti l'anno per resistenza agli antibiotici entro il 2050.

Resistenza antibiotici: ecco le patologie più pericolose - Salute e benessere

La resistenza agli antibiotici è un problema molto serio già oggi e ha reso ancora più pericolose diverse malattie che sembravano in declino. Lo United Nation Ad hoc Interagency Coordinating Group on Antimicrobial Resistance (Iacg) sottolinea come dei 700mila morti l'anno registrati a causa della resistenza agli antibiotici, circa 230mila sono dovuti soltanto alla tubercolosi. A questi si aggiungono quelli per infezioni del tratto respiratorio e sessuali e quelli legate alle procedure mediche invasive o al cibo. L'Italia putroppo è ai primi posti in questa triste classifica.

Resistenza antibiotici: i consigli degli esperti per superare il problema - Salute e benessere

Gli esperti dell'Onu hanno quindi stilato una lista di provvedimenti che i governi dovrebbero adottare per porre un freno alla resistenza della popolazione agli antibiotici. Il primo è quello di dotarsi di un piano nazionale con maggiori risorse per affrontare il problema. Inoltre, dovrebbero realizzare campagne informative e un apparato regolatoria più stringente per limitare l'utilizzo di anti-batterici e fungicidi negli uomini, animali e soprattutto nel campo dell'agricoltura. Infine, si dovrebbe investire in nuove tecnologie per la salute.

La resistenza agli antibiotici ha già avuto un impatto economico serio con 24 milioni di persone che potrebbero cadere nella povertà esterma entro il 2030. "Questa è una delle minacce più grandi che dobbiamo affrontare come comunità globale. - afferma Amina Mohammed, numero uno dell'Iacg - Il rapporto enfatizza il fatto che non ci sia tempo da perdere".

Commenti
    Tags:
    antibiotici resistenzaantibiotici resistenza ai batteriresistenza antibioticiantibiotici naturalisalute e benessereonuomsonu per sanitàoms saluteresistenza antibiotici 2050resistenza antibiotici sintomiresistenza antibiotici cause
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

    Scatti d'Affari
    Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.