A- A+
Medicina


Depressione post-partum, male silenzioso ma devastante. Per molte persone è impensabile che una neomamma possa esserne sopraffatta e invece una su cinque si trova a doversi confrontare con un malessere che spesso viene sottovalutato, o peggio, ignorato.
 
Sembra che tutto sia scritto nel Dna, e che per quantificare il rischio sia sufficiente analizzare la sequenza e la struttura di OXTR, gene codificante per il recettore dell’ossitocina o “ormone dell’amore”, che svolge un ruolo positivo nel legame materno, le relazioni, lo stress, l’umore e la regolazione delle emozioni.
 
I ricercatori hanno esaminato i casi di 14.541 gravidanze che si sono verificati tra l’aprile 1991 e il dicembre 1992 e confrontato campioni di sangue prelevati durante le settimane 7 e 41 di gravidanza, sia delle mamme che avevano poi successivamente sviluppato depressione che di quelle cui non era stata diagnosticata.
 
La depressione post partum dura molto più a lungo di un paio di settimane e, oltre a stanchezza e stress, è caratterizzata da mancanza di desiderio di contatto con gli altri, disconnessione con il proprio figlio, paure estreme rispetto alla sua salute, sensi di colpa e insonnia.
 
Questa depressione incide sullo sviluppo del bambino, sia comportamentale che cognitivo. Adesso una nuova ricerca della University of Virginia ha stabilito che un marcatore del sangue potrebbe aiutare a individuare nelle donne una predisposizione alla depressione post-partum.
 
Ne è emerso che, se i livelli del gene recettore dell’ossitocina (OXTR) sono bassi, la donna, pur senza particolari fattori di rischio, è maggiormente esposta a sviluppare depressione nel dopo parto. “Sappiamo che le donne che hanno sperimentato la depressione prima della gravidanza sono a più alto rischio di sviluppare depressione dopo il parto. Tuttavia, anche coloro che non hanno mai sperimentato la depressione possono averla dopo il parto. Questi marcatori genetici che abbiamo identificato ci aiutano a identificarla in anticipo”, ha detto Jessica Connelly, autore senior dello studio pubblicato sulla rivista “Frontiers in Genetics”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
depressionednapost-partumpartogravidanzaoxtruniversity of virginia
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.