A- A+
Medicina

Pranzi in famiglia, cene aziendali, aperitivi con gli amici: il periodo delle feste natalizie può essere davvero stressante per il nostro organismo. A meno che non si seguano i consigli degli esperti del settore, così da coniugare più facilmente buon gusto e benessere.

 

I cibi fermentati, da sempre alla base delle diete dichiarate patrimonio dell’umanità dall’Unesco come quella mediterranea, messicana e giapponese washoku, comportano una serie di benefici forse sconosciuti ai più: favoriscono la digestione, prevengono le patologie infiammatorie, hanno un alto valore nutrizionale, depurano l’organismo e combattono gli sprechi alimentari. La fermentazione, infatti, è innanzitutto un metodo per la conservazione del cibo, applicabile nella nutrizione clinica di questi alimenti e utilizzabile anche in casa propria: pensiamo, ad esempio, alle classiche verdure sotto aceto.

 

Ma cosa si intende con “alimenti fermentati”? Nulla di stravagante: a parte il classico yogurt, al quale si pensa subito in questi casi, fanno parte della categoria anche altri cibi appetitosi come i formaggi stagionati (ad esempio gorgonzola e provolone), ma anche piati etnici come il tempeh (che viene dall'Indonesia) i noodles asiatici e cocktail messicani come il tepache. Tra le bevande fermentate più celebri, spiccano il vino rosso e la birra, che possiamo portare in tavola serenamente.

 

Questi cibi, infatti, contribuiscono al benessere del microbiota, un insieme di microrganismi il cui stato di salute è direttamente correlato a quello del corpo umano.

 

Per diffondere queste conoscenze, è stato organizzato un corso di formazione a distanza dal titolo “Nutrizione e microbiota: c’è fermento”, realizzato per il personale medico-sanitario dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e già online sulla piattaforma Consulcesi Club.

 

Responsabile scientifico del corso è il dottor Andrea Pezzana, medico e docente dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, con il contributo di esperti quali ‎la professoressa Chiara Cordero, docente di Chimica degli Alimenti presso l’Università degli Studi di Torino e la dottoressa Michela Zanardi, specialista in Scienza dell’Alimentazione.

 

Il corso (disponibile sul sito www.corsi-ecm-fad.it) si articola in cinque lezioni, che esplorano il legame tra la fermentazione alimentare e il benessere globale della persona, il corso prevede un questionario finale che accerta la comprensione dei contenuti e assegna due crediti formativi ECM, utili a completare l’obbligo formativo in scadenza per tutti i medici il 31 dicembre 2016.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cibonataledigerire
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.