A- A+
Medicina
Spogliarello in stazione per combattere l'incontinenza maschile
 

Il viavai frenetico della stazione ferroviaria Garibaldi di Milano. Viaggiatori in arrivo e passeggeri in partenza che consultano il tabellone degli orari. Un capotreno risponde alle richieste dei passanti, l’addetto alle pulizie abbraccia la scopa sulle scale dell’ingresso e il classico business man in giacca e cravatta è impegnato in una telefonata di lavoro. Una mattina metropolitana apparentemente tranquilla…o forse no!

Improvvisamente le note Hot Stuff di Donna Summer, colonna sonora del musical Full Monty, risuonano in tutta la stazione. Musica, ballerini, una coreografia contagiosa e perché no, anche un gruppo di dieci uomini pronti a togliersi i vestiti ed esibire con sicurezza e fierezza la loro biancheria intima. Tutto di fronte ad una folla di passanti stupiti e incuriositi.

Un flash mob per presentare il nuovo progetto, ideato da TENA per richiamare l’attenzione sul tema dell’incontinenza urinaria maschile, spesso erroneamente sottovalutato rispetto a quella femminile. Il disagio riguarda circa 1 milione di uomini italiani con un’incidenza tra il 2 e il 10% sopra i quarant’anni.
 
Un mezzo dirompente, supportato da una campagna virale altrettanto anticonvenzionale condivisa sui principali canali social attraverso l’hashtag #solotusaiche. Una scelta a dir poco insolita per uscire dai clichè di una comunicazione “sotto voce” da troppo tempo associata ad una tematica così importante. 

“La campagna di TENA Men è stata l’occasione per rompere gli schemi e cambiare la comunicazione dedicata agli uomini, rivolgendoci a loro in un modo totalmente nuovo e inaspettato - commenta Antonio Campanile, Marketing Manager di TENA - Abbiamo scelto di realizzare un flash mob giocando sull’ironia, ma senza ridicolizzare un disagio che coinvolge molti uomini sfruttando le caratteristiche principali dei nostri prodotti, discrezione e comodità: una scelta vincente considerando che nessuno si è accorto che i protagonisti non indossavano il solito intimo.”
 
Tutto prende ispirazione dal claim della campagna TENA Men “Solo tu sai che lo indossi” a cui si è aggiunto il bisogno di interrompere un tabù attraverso un nuovo approccio comunicativo e allontanare i preconcetti che ancora riguardano un tema così delicato. 

Da qui la scelta di realizzare un sito dal nome accattivante come quello dell’hashtag promosso per il flashmob e con nuovi strumenti per affrontare la tematica dell’incontinenza urinaria maschile. Il nuovo sito offre infatti elementi utili e informativi volutamente studiati da uno specialista per aiutare e guidare gli uomini nella gestione quotidiana delle perdite urinarie e sensibilizzarli sull’importanza della prevenzione.

“Si parla sempre poco e mal volentieri di incontinenza urinaria maschile e sono ancora una minoranza gli uomini che decidono di confidarlo e di chiedere un aiuto – commenta Andrea Militello, specialista in Urologia –. Uno strumento di informazione online affidabile, credo rappresenti un supporto di grande valore, e la scelta di utilizzare un indirizzo web non direttamente riconducibile a questo tipo di disturbo avrà un effetto rassicurante per ridurre quell’imbarazzo e inadeguatezza che accomuna molti. Questo rappresenta un primo passo importante per affrontare più serenamente gli inconvenienti dovuti alle perdite impreviste.”

www.solotusaiche.it 

Tags:
incontinenzauominisalute
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.