A- A+
Medicina
L'emicrania non è un semplice mal di testa: Novartis lancia emicrania.info

Non è facile vivere con l’emicrania, ma soprattutto non è facile far capire agli altri il suo reale impatto sulla vita di ogni giorno.

L’emicrania non è un semplice mal di testa, ma una malattia neurologica fortemente invalidante che colpisce circa l’11,6% della popolazione, in particolare le persone tra i 35 e i 45 anni, la fase della vita in cui l’individuo è al massimo della sua produttività2 ed è tre volte più frequente tra le donne (15,8% vs 5%).

Nonostante a livello mondiale rappresenti la terza patologia più frequente e la seconda più disabilitante, l’emicrania è ancora troppo spesso sottovalutata, non diagnosticata e non trattata. Secondo un recente studio del Censis, circa il 36,7% dei pazienti ha ammesso di aver sottostimato il proprio «mal di testa» considerandolo come un disturbo che è normale avere di tanto in tanto.

L’emicrania ha importanti ripercussioni sulla qualità di vita di chi ne soffre, compromettendo le attività quotidiane, la vita professionale e sociale. Uno studio del Cergas Bocconi ha stimato circa 16,8 giornate di lavoro perse ogni anno per le donne con emicrania e 13,6 per gli uomini, 26,4 giornate di vita sociale perse per le donne e 20 per gli uomini.

Lo stigma sociale legato all’emicrania, segnalato anche nella ricerca del Censis dove quasi il 90% degli intervistati ha dichiarato che questa malattia è sottovalutata socialmente, si riflette anche nei comportamenti di chi ne soffre, che spesso si reca sul posto di lavoro nonostante le condizioni di malessere; le donne in particolare, rispetto agli uomini sono maggiormente soggette a questo fenomeno con 51,6 giorni contro 35,6 degli uomini.

Un dato confermato anche dalla ricerca My Migraine Voice di Novartis, che riconduce al presentismo il 45,3% del deterioramento generale della capacità lavorativa delle persone che soffrono di emicrania.

Il sito Emicrania.info, il nuovo portale interamente dedicato all’emicrania, è stato creato da Novartis per dare voce e supportare tutte le persone colpite da questa malattia neurologica.

Attraverso contenuti informativi, storie, consigli utili, strumenti di monitoraggio e gestione della malattia, questo sito fornisce alle persone con emicrania gli elementi per affrontare e comunicare al meglio la propria condizione a medici, amici, familiari, colleghi. Un ulteriore passo avanti per combattere lo stigma sociale che accompagna l’emicrania e intraprendere il percorso di cura di cui si ha bisogno.

Il sito Emicrania.info vuole essere un punto di riferimento per tutti coloro, pazienti e caregiver, che vorranno saperne di più sull’emicrania.

Commenti
    Tags:
    emicrania; novartis; emicrania.info
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

    Scatti d'Affari
    Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

    Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.