A- A+
Medicina
Morte feto durante parto, ostetrica condannata. La sentenza della Cassazione

Rischia una condanna per omicidio colposo il sanitario che compie errori durante il travaglio e il parto di una donna, tanto da non impedire la morte del feto: la Cassazione ha stabilito che in casi del genere è legittimo contestare il reato di omicidio colposo e non, invece, la fattispecie di aborto colposo, contemplata dalla legge 194, per cui sono previste pene ben più lievi. Il caso all'esame della Corte riguardava un processo a un'ostetrica, ora condannata in via definitiva a un anno e 9 mesi di reclusione (pena sospesa), ritenuta responsabile di omicidio colposo "per imprudenza, negligenza e imperizia" in relazione alla morte di un feto durante il parto, avvenuta nel novembre 2008 in una clinica di Salerno. L'imputata, secondo l'accusa, non aveva "tempestivamente" rilevato la "sofferenza fetale" che si era protratta per almeno mezz'ora - cosa che invece avrebbe "imposto di accelerare al massimo la fase espulsiva e l'estrazione del feto" - e aveva anche formulato al ginecologo "rassicurazioni" sul "regolare andamento del travaglio". Il feto era quindi "nato morto per asfissia perinatale". Dopo le sentenze conformi di condanna emesse dai giudici del merito, l'ostetrica aveva presentato ricorso alla Suprema Corte, lamentando "l'errata qualificazione giuridica" del fatto, da lei ritenuto aborto colposo e non omicidio colposo, sollecitando anche una trasmissione degli atti alla Consulta.

Secondo l'imputata, "la nascita del feto si realizza esclusivamente con la fuoriuscita dall'alveo materno e col compimento di un atto respiratorio", mentre nel caso in esame il feto "non aveva mai respirato autonomamente". Del tutto diversa la conclusione dei giudici del 'Palazzaccio', che hanno rigettato il ricorso: nella sentenza depositata oggi dalla quarta sezione penale, si sottolinea che "il criterio distintivo tra la fattispecie di interruzione colposa della gravidanza e quella di omicidio colposo si individua nell'inizio del travaglio e, dunque, nel raggiungimento dell'autonomia del feto, coincidendo quindi con la transizione dalla vita intrauterina e quella extrauterina". Una disciplina, questa, che la Cassazionedefinisce "priva di profili di incostituzionalità", innestata "in un quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepimento si è poi estesa fino all'embrione". Se non fosse così, infatti, conclude la sentenza, "alla naturale e fisiologica conclusione della gravidanza, il feto nascente sarebbe assurdamente tutelato, contro i fatti lesivi della vita individuale, solo nel caso di morte cagionata nelle condizioni di abbandono morale e materiale connesse al parto (fattispecie contemplata nell'articolo 578 del codice penale, ndr) e la mancanza di tale elemento specializzante comporterebbe un inaccettabile vuoto di tutela, stante l'impossibilità di applicare tanto il procurato aborto quanto l'omicidio".

Commenti
    Tags:
    cassazionetravagliocassazione fetosentenza cassazione fetofeto persona
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

    Scatti d'Affari
    Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


    casa, immobiliare
    motori
    Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

    Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.