A- A+
Medicina

Far dormire i bambini di meno di un anno sulla schiena, in una culla rigida, su un materasso rigido, senza cuscino o piumone. La temperatura ideale è compresa tra 18° e 20°. Sono questi i consigli  dell'Accademia Americana di pediatria e della Società Francese di Pediatria per prevenire le morti improvvise dei neonati nella culla.

Un problema molto grave le cui cause non sono ancora del tutto chiare. In questi giorni le ha approfondite con una nuova ricerca l'Accademia Americana di pediatria: secondo i ricercatori, 7 su 10 bambini dormivano nello stesso letto come un adulto quando sono morti.

Lo studio è stato condotto negli Stati Uniti tra il 2004 e il 2012 su 8207 bambini sani. I giovanissimi (meno di 3 mesi di vita) facendo "co-sleeping" con un adulto sono più spesso vittime di morte improvvisa rispetto a bambini più grandi tra 4 mesi a 1 anno (73% vs 58,9%). L'età media della morte è di circa 2 mesi. E 'quindi particolarmente importante evitare di dormire con i bimbi più piccoli perché sono più vulnerabili.

Inoltre, in un terzo dei casi, un oggetto come una coperta, o un peluche, è stato trovato nel lettino. Queste circostanze sono più comuni nei bambini più grandi (39,4% dopo 3 mesi contro il 33,5% prima di 3 mesi) e generalmente causano la morte per soffocamento o strangolamento.

Questa non è la prima volta che il co-sleeping è messo in discussione. Secondo uno studio pubblicato sul British Medical Journal nel 2013, il rischio di morte improvvisa si moltiplica per 5 nei bambini di meno di tre mesi quando dormono nello stesso letto dei genitori.

La posizione del bambino durante il sonno è un altro fattore di rischio di morte improvvisa. La mortalità è diminuita nei paesi occidentali dal 1990, da quando è stato diffuso il consiglio di far dormire il neonato sulla schiena. Tuttavia, i bambini più grandi si trovano spesso girati sullo stomaco, a seguito di un cambiamento di posizione durante il sonno. E in questa posizione aumenta il rischio di soffocamento con lenzuola o peluche.

Infine, i pediatri ritengono che i bambini vittime di morte improvvisa sono più spesso di sesso maschile (58,2% dei casi), ma non forniscono una spiegazione per questa differenza.

Tags:
neonatimorticulla
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.