A- A+
Medicina
Primo embrione artificiale di topo. Staminali, ora l'uomo sintetico

Primo embrione artificiale di topo


UN EMBRIONE in provetta senza utilizzare un ovocita fecondato. Per crearlo si usano le cellule staminali. Lo hanno realizzato  un team di ricercatori di Cambridge. La ricerca è pubblicata su Science e spiega come indurre in vitro lo sviluppo di una struttura estremamente simile a un embrione naturale, utilizzando solo due tipi di cellule staminali embrionali di topo e un’impalcatura 3D composta di matrice extracellulare (un tessuto biologico su cui sono naturalmente ancorate le cellule). Il prossimo passo sarà studiare in provetta le fasi iniziali dello sviluppo embrionale, senza ricorrere agli embrioni.


Primo embrione artificiale, 'nato' da un topo e cresciuto in provetta


Un embrione si sviluppa da una cellula uovo fecondata, dividendosi fino a formare una sfera composta di cellule staminali. Quelle che poi costituiranno la base per lo sviluppo del corpo del feto sono le cellule staminali embrionali (o Esc), mentre le altre si dividono in due tipi: le Tscs che formeranno la placenta e un gruppo di cellule staminali endodermiche “primitive” che formeranno il sacco vitellino, una struttura che garantisce i nutrienti essenziali per lo sviluppo dell’embrione.


Primo embrione artificiale, 'nato' da un topo. Verso l'uomo artificiale?


L'embrione artificiale di topo di roditore è il "primo venuto fuori dal nulla". Non esiste nessun rapporto tra animali di sesso opposto e nessuna clonazione (tipo la pecora Dolly). E' il primo roditore prodotto da un embrione artificiale. La strada verso la creazione di un uomo artificiale forse è aperta.


Primo embrione artificiale, 'nato' da un topo e cresciuto in provetta. Parlano i ricercatori


«Sia le cellule embrionali sia quelle che danno vita alla struttura su cui si sviluppa l'embrione cominciano a parlare le une con le altre fino a organizzarsi in una struttura che si comporta come un embrione», ha spiegato l'autrice della ricerca Magdalena Zernicka-Goetz, del dipartimento di Fisiologia, sviluppo e neuroscienze di Cambridge.


Primo embrione artificiale, 'nato' da un topo e cresciuto in provetta. Prossime frontiere


Vita creato in laboratorio e sviluppo di un individuo fuori dall'utero: frontiere future. «È solo una possibilità - spiegano gli autori del lavoro pubblicato sull'autorevole rivista Science - l'embrione artificiale permetterà di comprendere le primissime fasi dello sviluppo embrionale, spiegando il motivo per cui più di due gravidanze umane su tre falliscono».

 

Tags:
embrione artificialeembrione artificiale topoprimo embrione artificialeprimo embrione artificiale topostaminali
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.