A- A+
Medicina
Tumori: nuovi dati confermano efficacia ceritinib per polmone

Novartis ha annunciato oggi i dati che dimostrano che ceritinib (precedentemente noto come LDK378) ha ridotto l'estensione dei tumori nei pazienti con NSCLC ALK+ (carcinoma polmonare non a piccole cellule positivo per ALK), compresi quelli che avevano gia' ricevuto un trattamento preliminare con un inibitore di ALK e quelli che lo ricevevano per la prima volta. Sono stati osservati risultati anche nei pazienti con NSCLC ALK+ che erano entrati nello studio con metastasi cerebrali1. Lo studio e' stato presentato al Meeting Annuale della American Society of Clinical Oncology a Chicago. "Ceritinib ha dimostrato un elevato livello di attivita' nei pazienti con NSCLC ALK+, a prescindere dal fatto che fossero stati precedentemente trattati o meno con un inibitore di ALK", ha dichiarato il responsabile della ricerca Dong-Wan Kim, MD, PhD, del Seoul National University Hospital. "Un altro risultato degno di nota in questa popolazione di studio e' che ceritinib ha dimostrato di essere attivo sui pazienti nei quali il tumore aveva dato metastasi al cervello, una condizione che attualmente rappresenta una delle sfide piu' impegnative nell'ambito del trattamento del NCSLC ALK+".

In una popolazione complessiva di 246 pazienti con NSCLC, ceritinib ha ottenuto un tasso di risposta globale (ORR [overall response rate]) del 58,5% e una sopravvivenza mediana libera da progressione (PFS [progression-free survival]) di 8,2 mesi. Di questi, 124 pazienti sono entrati nello studio con metastasi cerebrali e hanno ottenuto un ORR del 54,0% e una PFS mediana di 6,9 mesi. Gli eventi avversi piu' comuni, verificatisi in oltre la meta' dei pazienti, sono stati diarrea, nausea, vomito, dolori addominali e affaticamento1. Il 2-7% circa dei pazienti con NSCLC e' portatore del riarrangiamento del gene ALK, che causa la crescita del tumore3. Questi pazienti sono candidati al trattamento con un inibitore di ALK mirato.

I pazienti con NSCLC ALK+ sono spesso piu' giovani della media dei pazienti con NSCLC, e in molti casi non hanno mai fumato4. "Ci incoraggia il fatto che ceritinib abbia dimostrato un'attivita' uniforme e continua anche in base all'analisi dei dati provenienti da altri pazienti con un follow-up piu' lungo: questo supporta ulteriormente il potenziale di ceritinib nel cambiare la vita dei pazienti con NSCLC ALK+", ha dichiarato Alessandro Riva, MD, Presidente ad interim di Novartis Oncology e Global Head di Oncology Development and Medical Affairs. "La recente approvazione di ceritinib da parte della FDA ha introdotto una nuova e importante opzione terapeutica per i pazienti statunitensi e siamo lieti di poter collaborare con le autorita' regolatorie di tutto il mondo allo scopo di rendere disponibile ceritinib a un numero ancora piu' vasto di pazienti".

Tags:
ceritinibmedicinapolmone
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.