A- A+
Medicina
Infarto, due gruppi sanguigni sono più a rischio, uno meno. Ecco quali

Ricerca sulla salute del cuore pubblicata dall’American Heart Association


Molti fattori possono contribuire ai rischi d’infarto, ma un ruolo da non trascurare, stando a un nuovo studio, lo giocherebbe anche il tuo gruppo sanguigno: una scoperta, questa, che potrebbe prendere piede un modo nuovo di prevenire questi eventi.

Ciò che emerso da questa ricerca sulla salute del cuore pubblicata dall’American Heart Association - si legge su www.greenme.it - è che per le persone con un gruppo sanguino A e B è più facile incorrere in problematiche come:

Infarto
Arresti cardiaci
Occlusioni
Per quanto riguarda le prime due problematiche cardiache, la percentuale sarebbe meno allarmante:  rispetto alle persone con un gruppo sanguigno zero negativo /0-),  i gruppi A e B avrebbero l’8% di probabilità in più di infarto e il 10% in più di arresto cardiaco.

Il dato più corposo, però, riguarda il terzo punto: sono stati riscontrati fino al 51% in più di occlusioni venose per questi due gruppi sanguigni rispetto a quello dei cosiddetti donatori universali.

Anche se i ricercatori non sono stati ancora in grado di stabilire una correlazione diretta che spieghi questi dati, lo studio potrebbe contribuire in modo importante alla ricerca e alla prevenzione degli infarti. Innanzitutto, i medici potranno avvantaggiarsi usando queste informazioni per studiare delle terapie individuali più accurate.

La dottoressa Hilde Groot, a capo della ricerca e docente all’univesità di Groningen in Olanda sostiene che:

“I medici di base potrebbero utilizzare queste informazioni [sul gruppo sanguigno] per la prevenzione e la cura di malattie cardiovascolari, e i professionisti medici potrebbe considerare di includere le informazioni sul gruppo sanguigno nei test clinici sui rischi e gli approcci di cura

La seconda buona notizia è che anche se tu dovessi avere un gruppo sanguigno A o B, puoi comunque abbassare le probabilità di infarto con una dieta sana e tenendoti in esercizio.

Non a caso, la stessa dottoressa Mary Cushman raccomanda di non di allarmarsi eccessivamente per questi nuovi dati, ma consiglia alle persone con gruppo sanguigno di tipo A e B di fare semplicemente più attenzione al proprio stile di vita e cercare di mantenerne uno sano ed equilibrato. Nello specifico, tenendo sott’occhio la pressione alta e il colesterolo potrete ridurre significativamente i rischi di soffrire di infarto.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    chi rischia infartocome capire infartoinfarto come capirerischio infarto




    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.