A- A+
Medicina
Salute, italiani sempre più informati su salute e prevenzione
(foto Lapresse)

Salute, gli italiani si informano su internet 

In parte perchè anche “scottati” dalla recente pandemia di Covid gli italiani sembrano volersi maggiormente informare per quanto riguarda salute e prevenzione. Per raggiungere questo obiettivo utilizzano svariate fonti sia online che offline. Ma è indiscusso che internet ricopre un ruolo sempre più importante, e non solo per la fascia di età giovane. E' questa in sintesi la fotografia che l'Istituto Ipsos, ha presentato al recente Cosmofarma, la fiera leader nel settore dell'Healthcare, Beauty care e servizi legati alla farmacia, tenutasi negli ultimi giorni a Bologna. Secondo gli analisti di Ipsos negli ultimi 12 mesi l'85% degli italiani si è informato su salute e prevenzione, un trend in crescita rispetto al 73% del 2020 e al 42% del 2016. Certamente in parte come conseguenza del Covid, ma non solo, visto che nel medio periodo il trend era già in aumento. Ma come si informano gli italiani sulle tematiche inerenti la salute?

Salute, tante le fonti di informazioni per comprendere e prevenire

Lo fanno utilizzando una pluralità di fonti. Il 66% si rivolge al medico generico. Ma in crescita nell’ultimo biennio il numero di quelli che si rivolgono allo specialista (dal 43 al 50%). Il 50% degli italiani poi sceglie di cercare informazioni su internet (il 51% nel 2022, era il 47% nel 2020). Quello che sorprende è che questa percentuale è stabile in tutte le fasce di età. Anche perchè pure tra i senior, ben il 42% cerca informazioni navigando sul web. Un altro 30% infine si rivolge alla farmacia, soprattutto i più giovani (18-34 anni). Nel complesso, gli italiani hanno un livello elevato di fiducia nel farmacista (61%) e la farmacia rappresenta ancora il primo accesso in particolare per i disturbi lievi (45%). Dal suo stesso punto di vista, tra l'altro, il farmacista conferma questa percezione: il 75% concorda su un incremento di valore del ruolo della farmacia durante il periodo pandemico.

Salute, nel web per avere info su disturbi specifici

Ma navigando nel web quali informazioni si cercano ? Nel 63% dei casi sono ricerche legate a disturbi specifici. Seguono le informazioni su integratori e sui corretti stili di vita (41%), i vaccini (40%), i farmaci che non hanno bisogno di ricetta (37%) e il benessere mentale (18%). Su quest'ultimo argomento, in particolare, sono soprattutto ansia e stress i temi più ricercati su internet, con una tendenza in aumento dal 2017 a oggi.Come ci si muove in Rete? L'81% si rivolge ai motori di ricerca, mentre il 36% delle persone che cerca informazioni di salute su internet lo fa andando direttamente su siti già conosciuti. Ed è una quota in crescita rispetto a due anni fa, segno di una accresciuta consapevolezza. Il 24% inoltre guarda sui social, il doppio rispetto a due anni fa e con un trend anche in questo caso in crescita. Infine l'8% ascolta podcast sui temi legati alla salute, percentuale che sale al 16% nella fascia tra i 18 e i 34 anni e che in futuro è destinata a crescere ulteriormente.

Salute, l'83% segue influencer ed esperti 

Tra chi cerca informazioni di salute sui social, l'83% dichiara di seguire influencer o esperti di salute, soprattutto medici e farmacisti. La stragrande maggioranza (l'80%) dice di seguirne i consigli e di fidarsi più di quanto non abbia fiducia genericamente nel web. Ma internet da solo non basta. Dopo essersi informato in Rete, il 57% delle persone torna dal suo medico curante o si rivolge al farmacista (il 33%) per approfondire e prendere decisioni. Per fare un acquisto, infatti, per il 64% delle persone è importante il consiglio del farmacista e il 56% vuole vedere fisicamente il prodotto prima di comprarlo. Sia nella ricerca di informazioni sia nell'acquisto dei farmaci, dunque, il mondo offline si integra e si dovrà integrare sempre di più con l'universo online, indicano gli analisti di Ipsos. Anche se l'e-commerce è già oggi una realtà ed è destinato a crescere ancora in futuro, la farmacia rimarrà comunque centrale per l'acquisto dei prodotti per la salute. Il 57% delle persone dichiara infatti che continuerà a comprare in negozio. Il 17% invece già oggi acquista online, quota che si stima salirà al 28% nel 2025. Sul web vengono acquistati soprattutto farmaci da banco, integratori e cosmetici. Due i vantaggi dell’e-commerce riconosciuti dalla maggior parte dei consumatori: la convenienza economica e la comodità, anche sotto il profilo del risparmio di tempo. Secondo gli analisti di Ipsos, però, anche in futuro l'online non soppianterà il canale offline, ma sempre più le due forme si integreranno.

 

 

Commenti
    Tags:
    cosmofarmainternetipsositalianiprevenzionesalute




    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Inaugurato il nuovo Honda True Adventure Offroad Academy a Carpenedo

    Inaugurato il nuovo Honda True Adventure Offroad Academy a Carpenedo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.