A- A+
Medicina
Salute/ Tumore colon-retto, il 60% dei pazienti vince la malattia

Il tumore del colon-retto si sconfigge anche con la terapia molecolare, e sei malati su dieci vincono la loro battaglia per la vita. Questo, e numerosi altri consigli e avvertimenti, sono contenuti in una guida, a cura di Fondazione "Insieme contro il Cancro", in collaborazione con l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e Europa Colon, presentata oggi a Milano. "La ragguardevole percentuale di guarigioni e' un risultato importante, raggiunto anche grazie a nuove terapie 'su misura'.

La selezione dei pazienti, basata su un test per verificare la mutazione genetica, si traduce in un miglioramento di tutti i parametri di efficacia, con risparmi consistenti per il servizio sanitario nazionale". Lo ha affermato il prof. Francesco Cognetti, presidente Fondazione 'Insieme contro il Cancro'. Negli ultimi anni - continua il prof. Carmine Pinto, presidente eletto AIOM - abbiamo unito gli sforzi per stabilire le raccomandazioni che permettono di definire con precisione le caratteristiche biologiche di cinque tipi di cancro: al seno, al colon-retto, al polmone, allo stomaco e melanoma. Inoltre, in base a un recente controllo di qualita' per la valutazione delle mutazioni genetiche nel carcinoma del colon-retto, e' stato validato il 90% delle strutture di anatomia patologica e biologia molecolare (79 su 88) che si sono sottoposte in maniera volontaria al programma delle due societa' scientifiche. In questo modo siamo certi che il test venga eseguito secondo criteri uniformi e accurati. Si tratta di una procedura unica in tutta Europa e vanto italiano a livello mondiale". Il tumore del colon-retto rappresenta uno dei big killer in tutto il mondo.

Nel nostro Paese e' la terza neoplasia piu' frequente nei maschi e la seconda nelle femmine. Oggi in Italia vivono quasi 300mila persone con una precedente diagnosi di questa malattia. "E' in costante aumento soprattutto a causa del permanere di stili di vita scorretti, in particolare legati alla scarsa attivita' fisica e alla dieta non equilibrata - spiega il prof. Pinto -. Il cancro del colon e' direttamente associato ad un'alimentazione ad alto contenuto calorico, ricca di grassi animali, di carni rosse e povera di fibre. E' dimostrato un incremento di rischio del 15% nelle persone in sovrappeso e del 33% negli obesi. Dobbiamo quindi impegnarci sempre piu' intensamente per migliorare il livello di consapevolezza della popolazione, per far comprendere ai cittadini che l'obesita' e' un fattore di rischio, pericoloso quanto il fumo di sigaretta.

E' indispensabile mettere in atto nuove strategie per ridurre la percentuale di tumori correlati a questa condizione". "Il nostro impegno non si esaurisce negli investimenti in ricerca e sviluppo (4 miliardi di dollari nel 2013) per rendere disponibili farmaci innovativi - conclude il dott. Francesco Di Marco, amministratore delegato Amgen -. Concentriamo i nostri sforzi anche nella definizione di test che permettano di selezionare in anticipo i pazienti che trarranno giovamento dalle terapie. Lavoriamo al fianco degli specialisti per assicurare l'impiego appropriato dei farmaci, coscienti che la sostenibilita' del sistema e' anche nostra responsabilita'".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tumorecolonretto
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS

Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.