A- A+
Medicina
Tumori: Aiom, prevenzione-screening in Italia guarigioni più alte. TUMORI KO

Tumori, AIOM: “In 10 anni +40% persone vive dopo tumore”. Cancro ko ecco come
 

Tumori sconfitti in Italia: in dieci anni il numero di persone che sopravvivono al cancro è cresciuto del 40%.


TUMORI, I NUMERI DEI SOPRAVVISSUTI 2006-2016


Nel 2006 i pazienti vivi dopo la diagnosi di tumore erano 2 milioni e 250mila, nel 2016 saranno circa 3 milioni e 130mila. Le stime relative all'ultimo decennio sono state calcolate e comunicate dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom), che ha presentato la campagna di comunicazione "In team piu' forti contro il cancro". Un italiano su 20, il 5% della popolazione, vive dopo la diagnosi di tumore. I passi in avanti nella lotta contro i tumori segnano progressi continui se pensiamo che oggi due milioni di persone possono raccontare di averla definitivamente sconfitta.


TUMORI, L'ONCOLOGIA DI PRECISIONE


Tumori ko grazie anche all'oncologia di precisione che, a partire dal momento della diagnosi, delinea una terapia disegnata in base alle caratteristiche del singolo paziente. L'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) dedica a questo approccio un progetto nazionale. E' la prima volta che accade ed è realizzato con il sostegno di Novartis.


TUMORI, LA BATTAGLIA DALL'AIOM


"Grazie a dati molecolari e clinici, è possibile individuare con la massima precisione le caratteristiche del cancro che colpisce la singola persona e definire la strategia di trattamento migliore per ognuno - spiega il prof. Carmine Pinto, Presidente nazionale AIOM -. Oggi sappiamo che non esiste 'il' tumore ma 'i' tumori e che la malattia si sviluppa e progredisce diversamente in ogni paziente. Il gioco di squadra rappresenta il cardine dell'oncologia di precisione. Oncologi, chirurghi, radiologi, biologi molecolari e psicologi da tempo fanno parte del team, ora devono entrare anche il paziente e i familiari. Si tratta di una sfida non facile da vincere: medici e pazienti dovrebbero dedicare più attenzione all'ascolto e alla comprensione del punto di vista dell'altro. Assicurare una completa e chiara informazione è il primo obiettivo che l'oncologo deve porsi. Imparare a conoscere la malattia e le possibilità terapeutiche aiuta infatti il malato ad affrontare con più serenità il tumore. Non solo. Gli permette di sentirsi parte attiva delle decisioni e aumenta la fiducia verso le competenze professionali del clinico. Anche i familiari devono essere coinvolti perché sono accanto al malato in tutto il percorso di cura e rappresentano una grande fonte di energie, spesso con molti sacrifici personali".



TUMORI E CANCRO, JORGE LORENZO TESTIMONIAL


Testimonial di questa campagna contro i tumori è il campione del mondo di MotoGP Jorge Lorenzo. Il fuoriclasse della Yamaha è stato scelto per spiegare che, nel motociclismo come in oncologia, il gioco di squadra e' fondamentale.

Tags:
tumoritumorecancrotumori aiomaiomaiom cancrotumori italiatumori sopravvissuti
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.