A- A+
Milano

Il primo bike sharing 'peer to peer' è nato e verrà testato "in vitro" a Milano, tra qualche mese: si chiama "Cyrcolo" ed è una start-up tutta meneghino-bolognese che mira a "ristrutturare il rapporto tra società e istituzioni, con massima sinergia, ma alla pari". L'obiettivo, "utopia in realizzazione" è quello di creare una community che rilevi la società stessa: "arrivati a 5milioni di quote sarà una gigantesca cooperativa indipendente".

Nata nel 2009 per un concorso a Copenaghen sul bike sharing, premiata nel 2012, l'idea è di Marco Lampugnani e Gaspare Caliri, titolari dello studio di design e servizi per lo spazio pubblico "Snark", e copia proprio la condivisione di mp3 in rete. Prima di mettere a disposizione la proprio bicicletta ad una rastrelliera, le si applica un dispositivo con microchip, che funziona anche da lucchetto, e poi è pronta per essere inforcata da qualsiasi membro della community Cyrcolo. Ogni mezzo può essere sempre individuato grazie al gprs e a una app per smartphone che sblocca anche il lucchetto.

Si può entrare in Cyrcolo sia mettendo a disposizione bici, sia solo usandole, con un piccolo abbonamento, e se per il momento gli occhi di Marco e Gaspare sono puntati su Milano e Bologna, dove lavorano, l'idea è quella di una rete di peer to peer ciclistico a livello europeo.

Tags:
milanobike sharingpeer to peer







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.