A- A+
Milano
A Milano la prima super-Tac cardiaca. L'esperto: "Passaggio rivoluzionario"

Debutta a Milano la cardio Tac del futuro: è superveloce perché fotografa il cuore nel tempo di un solo battito, permettendo di abbattere al minimo la dose di radiazioni e di dimezzare le quantità di mezzo di contrasto. Inoltre potrà essere utilizzata anche su pazienti finora esclusi dall'esame. L'apparecchiatura "rivoluzionaria", così la definiscono gli esperti, è la new entry nel parco macchine del Centro cardiologico Monzino. L'Istituto del gruppo Ieo, unico Irccs del cuore in Italia, è la prima struttura italiana a disporre della 'Revolution Ct' e il primo ospedale in Europa (fra i 4 che la utilizzano includendo il Monzino) a impiegarla "ad alto volume clinico". In altre parole, a farla lavorare al massimo.

Il nuovo apparecchio, operativo in 10 centri del mondo, "preannuncia una svolta nella diagnosi delle malattie cardiache perché unisce a un'eccellente qualità delle immagini, un'altissima velocità di esecuzione e una maggiore sicurezza per il paziente, con radiazioni che si avvicinano allo zero", spiegano dall'Irccs di via Parea. Il primo vantaggio per il paziente, quindi, è la sicurezza di un esame con "un costo biologico prossimo allo zero" grazie a radiazioni inferiori a 1 milliSievert. Dosi ridotte "come mai prima" in 15 anni dall'introduzione della Tac cardiaca, sottolinea Daniele Andreini, responsabile dell'Unità operativa Tac cardiovascolare del Monzino. "Potremo arrivare anche a dimezzare la dose del mezzo contrasto - aggiunge - diminuendo così i problemi collegati al rischio di ipersensibilità e, soprattutto, l'impatto sulla funzione renale del paziente". Lo specialista assicura: "La tecnologia a cui siamo arrivati oggi rappresenta il vero passaggio rivoluzionario".

Tags:
milanotaccuoremonzino







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.