A- A+
Milano
La storia di Giorgio Ambrosoli in un monologo di "teatro-canzone"

«Una ballata su mio padre. Strano, questa non l’aveva ancora pensata nessuno». Così Francesca Ambrosoli commenta il debutto, presso il Nuovo Teatro Ariberto di Milano, dello spettacolo dedicato alla memoria del padre Giorgio che vede protagonista, anche nella realizzazione musicale, Luca Maciacchini, per la regia di Michela Marelli, testi di Marelli e Serenella Hugony Bonzano, disegno luci di Nicolò Leoni.

Attraverso la formula del “teatro-canzone”, Luca Maciacchini- da solo in scena, alternando al racconto canzoni originali e accompagnandosi con la chitarra- narra la vicenda umana e professionale dell’avvocato milanese, commissario liquidatore della Banca Privata Italiana di Michele Sindona che pagò con la vita il suo alto senso dello Stato e del dovere morale. La rappresentazione si basa sulle testimonianze dirette dei familiari: la moglie Annalori e il figlio Umberto (raccolte dallo stesso Luca Maciacchini) e i testi fondamentali scritti sulla vicenda, tra cui “Un eroe borghese” di Corrado Stajano e “Qualunque cosa succeda” del figlio Umberto Ambrosoli.

«Luca Maciacchini racconta la vita di mio padre e la storia d’Italia negli anni ’70-’80, passando da monologhi a canzoni ironiche per descrivere i personaggi dell’epoca legati alla mafia italo-americana e conclude con il brano “Essi non sono più”, dove elenca, per nome e cognome, le numerose vittime di quel periodo» spiega Francesca Ambrosoli. «Penso che, per come è concepita, la performance sia molto adatta a un pubblico giovane. E il fatto che la storia di mio padre possa essere conosciuta dai ragazzi mi fa sempre molto piacere». Non a caso, la ballata è proposta anche nelle scuole, come spunto di riflessione sui temi della legalità.

In un ruolo misto tra attore, cantautore e, potremmo dire, docente, Luca Maciacchini racconta la vita di Giorgio Ambrosoli, partendo da una narrazione tipo “cantastorie” e approfondendo la storia con elementi esplicativi che offrono allo spettatore la consapevolezza di una vicenda con dei lati, anche tecnicamente, oscuri.  «Questo lavoro segna per me un grande punto di svolta- dichiara l’attore, da tempo impegnato in importanti produzioni di teatro-canzone, in Italia e all’estero- perché è mosso dalla necessità di dare un contributo alla ricostruzione di qualcosa di cui oggi c’è molto bisogno: la memoria. Per sconfiggere l’indifferenza che è l’elemento primario che nutre il potere».

«I testi dei monologhi, scritti da Michela Marelli e  Serenella Hugony Bonzano, rendono chiari anche i giri finanziari e i cambi di società fantasma che Sindona escogitava  per raggiungere i suoi scopi, tenendo sempre alto il livello d’attenzione del pubblico- aggiunge Francesca Ambrosoli- lo spettacolo è quindi un’ occasione di pregio per  raccontare le vicende oscure del nostro Paese e far conoscere comportamenti virtuosi e personaggi  esemplari, pur nella loro semplicità».

Dopo la tappa di aprile al Nuovo Teatro Ariberto la rappresentazione si sposterà a Salerno e Catania e culminerà, l’11 luglio, a Milano in Piazza Affari, nell’ambito della manifestazione “Milano e la memoria”, curata dal giornalista Daniele Biacchessi.

“Giorgio Ambrosoli” si è aggiudicato il “Premio Isabella D’Este” per il teatro-canzone nel 2011 ed è stato presentato nel corso della Stagione 2011-2012 al Teatro Litta di Milano, con il patrocinio delle Fondazioni “Giorgio Ambrosoli” e “Litta”.

 

“Giorgio Ambrosoli” con Luca Maciacchini, di Michela Marelli e  Serenella Hugony Bonzano

musiche e canzoni di Luca Maciacchini

disegno luci di Nicolò Leoni

regia di Michela Marelli

 3-4-5-6 e 10-11-12-13 aprile

Nuovo Teatro Ariberto, via Daniele Crespi 9, Milano

MM2: Sant’Agostino, Sant’Ambrogio

Bus: 74, 47, 59, 94

Tram: 14, 2

Parkeggio BikeMi Piazza Sant’Agostino

Parcheggio a pagamento via Ariberto

Da mercoledì a sabato ore 20.45; domenica ore 16.30

Biglietti 12 euro; studenti 8 euro, gruppi con più di 15 persone 10 euro

Durata 1 ora e 10 minuti

www.nuovoteatroariberto.it

Tags:
ambrosoliteatromilano







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.