A- A+
Milano
Appello a Franceschini per salvare laVerdi: "850 posti di lavoro a rischio"
orchestra verdi milano

Un appello da parte dei sindacati al ministro Franceschini per laVerdi, storica orchestra sinfonica milanese, prima che la situazione precipiti per la mancanza di fondi: a tutt'oggi non risulta pervenuto il milione di euro stanziato nel 2013. La richiesta di un incontro "per illustrare la situazione milanese" e' contenuta in una lettera che porta la firma di Graziano Gorla, Segretario generale Cgil Milano, Danilo Galvagni, segretario generale Cisl Milano Metropoli, Paolo Puglisi, Segretario generale Slc-Cgil Milano e Silvio Belleni, segretario generale Fist e Cisl Milano Metropoli, e che denuncia il rischio della perdita di posti di lavoro per 850 persone. "Il fatto che nel 2014 non sia stato erogato il contributo ordinario annuale, a suo tempo concordato - scrivono - mette a repentaglio la vita de laVerdi, e con essa 150 posti di lavoro a tempo indeterminato e altre 700 posizioni di lavoro a tempo determinato. Cio' sarebbe un fatto gravissimo, in un settore affetto da una cronica disoccupazione, creata da una domanda di impiego ben al di sopra dell' offerta occupazionale. Il nostro auspicio e' che, con il Suo impegno, si risolva concretamente una situazione che rischia di precipitare"

Tags:
orchestra verdifranceschini







A2A
A2A
i blog di affari
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento
Solidarietà ai bielorussi contro Lukashenko, ultimo dittatore d’Europa
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.